È morta a 36 anni Beatrice Susa. Nel 2006 aveva fondato il fortunato Premio Arte Laguna

Il mondo dell’arte dice addio a una giovane imprenditrice, che aveva ideato e costruito uno tra i più apprezzati premi italiani per la giovane arte.

Beatrice Susa
Beatrice Susa

Dodici anni fa aveva fondato a Venezia, insieme a Laura Gallon, il Premio Arte Laguna, destinato a diventare uno dei contest più apprezzati per i giovani artisti italiani ed internazionali. Beatrice Susa, veneziana, sposata da appena un anno, una laurea a Cà Foscari e un debutto professionale con la sua socia nel campo della comunicazione e della grafica, se ne è andata a soli 36 anni, stroncata da un tumore. Due anni di strenua battaglia contro la malattia e infine il tragico epilogo.
Anche nell’ultima edizione del Premio, lo scorso marzo all’Arsenale”, ha raccontato Gallon al Gazzettino, “era sul palco con me a leggere le premiazioni. Ha sempre cercato di continuare a lavorare, anche da casa quando non poteva raggiungere la nostra sede a Mogliano. Era geniale, piena di idee, solare, ottimista. Così esile, aveva una forza interiore infinita”.

Arte Laguna 2010, da sx Alice Attanasio (finalista Arte Laguna), Paolo De Grandis (direttore OPEN), il curatore Igor Zanti, ORLAN, Beatrice Susa
Arte Laguna 2010, da sx Alice Attanasio (finalista Arte Laguna), Paolo De Grandis (direttore OPEN), il curatore Igor Zanti, ORLAN, Beatrice Susa

IL SUCCESSO DI UNA SFIDA

La battaglia di giovane imprenditrice nel settore dell’arte contemporanea, quella sì, l’aveva vinta. Mettendo in piedi una macchina organizzativa complessa, dandole un’autonomia finanziaria, costruendo un ampio network di collaborazioni con aziende, professionisti e istituzioni culturali. E fu un successo. Ogni anno le candidature arrivano a migliaia da tutto il mondo: un centinaio i selezionati e diversi i premi in palio, tra residenze, produzioni di opere, una grande mostra finale negli spazi dell’Arsenale e un budget totale di circa 45mila euro per le varie categorie in concorso (dalla pittura alla scultura/installazione, dal video alla performance, dalla digital art alla grafica).
Nel tempo sono state coinvolte figure di rilievo della scena artistica italiana ed estera, in qualità di giurati e di selezionatori: da Paolo Colombo a Chus Martinez, da Bartolomeo Pietromarchi a Domenico Quaranta, da Gabriella Belli ad Adam Budak. Nel 2010  il premio ha ricevuto la Medaglia di Rappresentanza del Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano. “Andremo avanti con Arte Laguna”, ha aggiunto la socia e amica di sempre,“come lei avrebbe voluto e come ci ha insegnato. In sua memoria”.

– Helga Marsala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d'arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatorice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.