Il futuro negli occhi. Una collettiva nelle Marche

SIAC, Porto San Giorgio – fino al 31 marzo 2017. La mostra marchigiana riunisce cinque artisti capaci di intendere la contemporaneità come uno strumento per osservare il passato e guardare al futuro.

Visioni Future. Exhibition view at SIAC–Sala Imperatori Arte Contemporanea, Porto San Giorgio 2017
Visioni Future. Exhibition view at SIAC–Sala Imperatori Arte Contemporanea, Porto San Giorgio 2017

Visioni future – riprendendo una metafora di Achille Bonito Oliva – è una sorta di “Passo dello strabismo” dove gli artisti, da un unico punto comune, ossia il presente, volgono un occhio al passato e l’altro a un futuro multicentrico, lasciando che quest’ultimo si scomponga e si ramifichi, mostrandosi in tutte le sue possibili espressioni. Clarissa Baldassarri, Iacopo Pinelli, Luca Pirozzi, Giorgio Staffolani ed Eleonora Tanucci sono le cinque nuove voci che espongono alla SIAC – Sala Imperatori Arte Contemporanea di Porto San Giorgio per dar vita a un viaggio tra diversi materiali di lavoro e differenti modi di utilizzo. Parlano “lingue” diverse i cinque artisti, ma raccontano le stesse difficoltà, gli stessi dubbi, le stesse fragilità. La giovane età che li accomuna apre uno spiraglio su una nuova e feconda gioventù artistica che sa cooperare invece che competere, che sa armonizzare le diversità per scrivere la melodia con cui accogliere il futuro.

Emanuele Gurini

Evento correlato
Nome eventoVisioniFuture
Vernissage03/03/2017
Duratadal 03/03/2017 al 31/03/2017
AutoriClarissa Baldassarri , Iacopo Pinelli, Luca Pirozzi, Giorgio Staffolani, Eleonora Tanucci
CuratoriAntonello Tolve, Serena Scolaro
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoSIAC – SALA IMPERATORI ARTE CONTEMPORANEA
IndirizzoVia Oberdan 3 - Porto San Giorgio - Marche
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Emanuele Gurini
Emanuele Gurini (Loreto, 1989) è critico d’arte e curatore indipendente. Si occupa prevalentemente di arte e teoria dell’arte e del rapporto che intercorre tra le arti visive e le nuove tecnologie. Tra i suoi interessi, la poesia verbo-visiva e gli scambi tra immagine e parola nella cultura italiana del secondo Novecento.