Braeckman e Chachkhiani, Belgio e Georgia annunciano gli artisti per la Biennale di Venezia 2017

Un fotografo affermato e un giovane artista sono le scelte di questi due paesi così lontani che hanno sul finire del 2016 hanno annunciato i nomi di chi porteranno in laguna. Per la fotografia belga è una prima lagunare

Vajiko Chachkhiani, Father, 2014 (c) Vajiko Chachkhiani. foto Thomas Kellner
Vajiko Chachkhiani, Father, 2014 (c) Vajiko Chachkhiani. foto Thomas Kellner

Ancora anticipazioni da parte dei paesi che partecipano alla Biennale di Venezia 2017 con un Padiglione Nazionale. Il 2016 si conclude con due annunci. Il primo, da parte del Belgio, che quest’anno sarà rappresentato dall’artista Dirk Braeckman, con una mostra curata da Eva Wittocx, senior curator al M-Museum Leuven. Il fotografo, originario di Ghent, si presenterà in laguna con una serie di scatti di grandissimo formato, creati apposta per la Biennale. Si prospetta una presenza interessante quella di Braeckman, nato da Eeklo, nelle Fiandre Orientali, con una ricerca che riguarderà i temi della consunzione dell’immagine e della produzione di massa. La mostra tornerà poi in Belgio, dove sarà esposta al Bozar – Centro per l’Arte contemporanea di Bruxelles e al M-Museum Leuven. Entrambi gli appuntamenti sono previsti nel 2018. Braeckman, che è rappresentato a Berlino da Thomas Fischer, a Santa Monica da Rose Gallery e a Seoul da Baton, ha definito questa scelta una vittoria non solo personale, ma anche per la fotografia in Belgio, che non ha mai avuto la possibilità di misurarsi con una piattaforma internazionale così importante all’interno delle visual arts.

LA GEORGIA

Per la Georgia sarà invece Vajiko Chachkhiani, dove lavora con la galleria di Daniel Marzona, a rappresentare il paese dal 13 maggio a fine novembre. L’artista, che vive a Berlino, presenterà l’installazione A Living Dog in the Midst of Dead Lions. Non sono molti i dettagli ancora disponibili sul progetto, che comunque cercherà di analizzare gli effetti che le condizioni sociali, politiche e storiche hanno sull’esperienza umana. Nato a Tbilisi Chachkhiani ha studiato tra la Germania e l’Olanda. È un artista giovane quello scelto dalla Georgia, nato solo nel 1985. In Italia la sua primissima e unica volta è stata nel 2013 ad Ancona nell’ambito della Biennale dei Giovani Artisti del Mediterraneo.

Santa Nastro

www.labiennale.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.