Alchimia (stra)ordinaria. Panos Tsagaris a Roma

Galleria Marie-Laure Fleisch, Roma – fino al 28 gennaio 2017. Il greco Panos Tsagaris espone per la prima volta nella Capitale con “Let The Sun Protest”, una mostra che fa propri i concetti dell’alchimia e dell’esoterismo. Partendo da elementi comuni per elevarli a dimensioni più immateriali e spirituali.

Panos Tsagaris, September 7 2015, 2016 - Courtesy MLF - Marie-Laure Fleisch, Roma-Brussels & Kalfayan Galleries, Atene-Salonicco

Trasformare l’ordinario in straordinario: questo lo sforzo messo in atto dall’alchimia, trasposto in arte da Panos Tsagaris (Atene, 1979), in mostra alla Galleria Marie-Laure Fleisch con Let The Sun Protest. Giocando sul contrasto tra forme primigenie ed elementi pregiati, il suo lavoro sembra voler trascendere la pura materia – da cui è pur sempre costruito – per generare lavori estremamente rigorosi e raffinati. La foglia d’oro li nobilita, avvalorando il concetto alchemico di sublimazione dei metalli vili. Passando da temi sociali (la serie dei Golden Newspaper, iniziata con la crisi finanziaria greca per poi toccare le tematiche dei migranti) a tele pseudo-minimaliste (Untitled, lavori complessi realizzati a partire da fotografie di specchi assemblati in studio, poi serigrafate e infine dipinte usando l’acrilico con l‘aggiunta della foglia d’oro), il percorso di Tsagaris si snoda, in maniera profonda e creativa, attraverso l’esoterismo, l’alchimia e l’occultismo, fino a giungere a un diffuso sentimento di misticismo e spiritualità.

Francesca Castiglia

Roma // fino al 28 gennaio 2017
Panos Tsagaris – Let The Sun Protest
MARIE-LAURE FLEISCH
Via di Pallacorda 15
06 68891936
[email protected]
www.galleriamlf.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/57927/panos-tsagaris-let-the-sun-protest/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Castiglia
Francesca Castiglia è nata a Roma nel 1984. Ha studiato Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università La Sapienza di Roma, approfondendo, in particolare, il contesto artistico statunitense della seconda metà del Novecento. Ha trascorso un periodo di studi in Francia e a New York, perfezionando la sua formazione con un Master in Economia e Management dell’Arte e dei Beni Culturali presso la Business School de Il Sole 24 Ore. Ha collaborato con diverse gallerie e fondazioni d’arte contemporanea capitoline (Valentina Bonomo, Nomas Foundation, Whitecubealpigneto), musei (Palazzo delle Esposizioni, Scuderie del Quirinale, Mercati di Traiano-Museo dei Fori Imperiali, Macro). Si è occupata, presso la Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco, di tematiche relative al Patrimonio Culturale Immateriale, collaborando inoltre con il Ministero degli Affari Esteri nell’ambito della Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione Europea.