Quando finisce la festa? Tomaso De Luca a Roma

Monitor, Roma – fino al 16 luglio 2016. Una lunga e scapestrata festa è il cuore della nuova mostra di Tomaso De Luca. Metafora di un’era postmoderna che si avvia al tramonto.

Tomaso De Luca, ein reiner Morgen in Amerika – installation view at Monitor, Roma 2016 - photo Giorgio Benni - courtesy the artist & Monitor, Roma
Tomaso De Luca, ein reiner Morgen in Amerika – installation view at Monitor, Roma 2016 - photo Giorgio Benni - courtesy the artist & Monitor, Roma

Persone buttate sui divani, droga e alcool, qualcuno che vomita da qualche parte: così la mostra Ein Reiner Morgen in Amerika di Tomaso De Luca (Verona, 1988) descrive gli ultimi anni dell’era postmoderna. Curiosa la scelta di affidare alla rappresentazione di una festa che finisce male la descrizione di quello che è accaduto e di quello che sta accadendo alla storia dell’arte in questi anni: con le installazioni in alluminio presenti in sala ognuna con il nome di una persona, De Luca racconta la tristezza e l’inadeguatezza dell’era postmodernista che ha calpestato e maltrattato il passato e coloro che da sempre abbiamo riconosciuto come i fondatori, diventando così solo sterile e senza un contenuto concettuale. A questo stallo del presente ormai si aspetta solo che qualcuno metta ordine, come quando speri che dei genitori non troppo severi tornino a casa a sistemare il caos che hai combinato con i tuoi amici nel corso di una festa finita male.

Valentina Gasperini

Roma // fino al 16 luglio 2016
Tomaso De Luca – Ein Reiner Morgen in Amerika
MONITOR
Via Sforza Cesarini 43a-44

06 39378024
[email protected]
www.monitoronline.org

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/53759/tommaso-de-luca-ein-reiner-morgen-in-amerika/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Gasperini
Valentina Gasperini (Roma, 1987) si laurea in Storia dell'arte contemporanea nel gennaio 2013 presso l'Università la Sapienza in Roma, con una tesi sulla nascita della galleria l'Obelisco. Tra le sue esperienze ci sono diverse collaborazioni nei centri dell'arte contemporanea a Roma, come la galleria Magazzino d'Arte Moderna e l'Istituto Svizzero. Membro di 1to1 projects, piattaforma per la creazione, lo sviluppo e la creazione di progetti di arte contemporanea che ha sede al Macro Testaccio di Roma. Vive a Roma.