Restyling per Parco Archeologico di Ecolano: nuovo logo e programma pluriennale online e offline

Identità visiva ispirata al mito di Ercole e mostre e iniziative divise tra reale e virtuale, a forte interazione con il territorio: presentato il nuovo corso del Parco di Ercolano in piena pandemia, all’insegna della speranza

Parco Archeologico di Ercolano
Parco Archeologico di Ercolano

In piena emergenza pandemica, con la città di Ercolano in zona rosso scuro, il suo Parco Archeologico lancia un segnale di speranza presentandosi (online) alla stampa in una veste rinnovata. Innanzitutto il nuovo logo: ispirato a Ercole, eroe che dà il nome alla città, con particolare riferimento ad uno dei suoi attributi, il nodo con il quale si allacciava al collo la pelle del leone di Nemea, vuole simbolicamente “collegare la città antica e quella moderna, il Parco e il territorio, il passato e il futuro, il mare e il Vesuvio, la ricerca e la valorizzazione”, spiega Elio Carmi, Direttore creativo e socio fondatore dell’agenzia di Brand Design Consulting Carmi e Ubertis che ha realizzato l’attuale identità visiva del Parco Archeologico di Ercolano.

LA PROGRAMMAZIONE DI ERCOLANO

Poi, la presentazione di una nuova programmazione pluriennale che contempla strategie di conservazione, tutela, valorizzazione. “Il Parco lavora lungo due binari: tutela e valorizzazione. In merito alla valorizzazione, abbiamo interpretato questo momento di difficoltà a causa del COVID quale occasione per costruire su basi rinnovate la ripresa degli scavi e negli scorsi mesi abbiamo lanciato un processo condiviso sulle radici identitarie del Parco Archeologico di Ercolano in parallelo ai programmi volti alla conservazione del patrimonio, alla conoscenza, ad azioni di integrazione con il territorio attraverso connessioni e reti”, dichiara Francesco Sirano, Direttore del Parco Archeologico di Ercolano dal 2017, dove ha puntato sin dal primo momento sull’accessibilità diffusa del Parco Archeologico e sull’interazione con il territorio. “Questo lavoro, che si è molto giovato di quanto da anni impostato dai colleghi HCP, ci ha aiutato a costruire su solide basi la definizione di un nuovo programma pluriennale e di una nuova identità visiva ispirata ad Ercole. Il percorso proseguirà nei prossimi mesi con tante importanti novità nel segno dell’apertura e della partecipazione”. Come le due mostre attese per i prossimi mesi, L’ebanistica e l’arte dell’arredo ligneo e La civiltà del cibo ed i piaceri della tavola nell’antica Ercolano: due percorsi, fra il reale e il virtuale, sull’artigianato del legno e sui piaceri del cibo per scoprire attraverso le sue scoperte archeologiche la vita di questa antica città che, diversamente da Pompei, non ha conservato i corpi della popolazione (annientata dalla maggiore vicinanza al Vesuvio) preservando, invece, mobili carbonizzati e parti strutturali di edifici.

Parco Archeologico di Ercolano
Parco Archeologico di Ercolano

MOSTRE, SITI, COMUNICAZIONE

Alle esposizioni temporanee si aggiungono gli approfondimenti all’interno del sito archeologico, con tre nuclei tematici: la mostra dedicata allo splendore degli ori, permanente all’interno dell’Antiquarium, il Padiglione della barca, e la scoperta del Teatro antico attraverso il percorso sotterraneo. Tra le numerose iniziative, dal vivo e online, del programma stagionale sono previste: in primavera, visite partecipate ai cantieri di restauro nel Parco; in estate, serate con i percorsi multisensoriali; in autunno, aperitivi all’insegna di archeologia e arte contemporanea. E poi conferenze, seminari, laboratori. Infine, gli eventi social “che coinvolgono la community alla scoperta dell’identità, dei valori e della cultura del territorio”.

Claudia Giraud

https://ercolano.beniculturali.it/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).