Una notte tra i siti archeologici in Italia. I nostri consigli

Una notte al museo: sono sempre di più i parchi archeologici, da nord a sud, che offrono la possibilità di una visita in orario serale. Ecco gli indirizzi da segnarsi in agenda.

Pompei di notte

Luci soffuse, realtà aumentata, paesaggi suggestivi, brezza marina e tramonti all’orizzonte. Con l’arrivo dell’estate ritornano anche le aperture serali previste nelle aree archeologiche di tutta Italia. L’ingrediente segreto? La possibilità di percorrere i parchi in orari inconsueti senza la calca dei turisti giornalieri. Un’opportunità non solo per gli appassionati, ma anche per i tanti residenti che possono così riscoprire il loro territorio. Ecco alcuni consigli su come trascorrere una notte alternativa da Roma alla Sicilia.  

– Valentina Poli

1. UN GRANDE CLASSICO ROMANO: PIERO ANGELA AI FORI

Viaggi nell’Antica Roma. Il Foro di Augusto

Anche quest’anno ritorna un grande classico della stagione estiva romana: i Fori di Augusto e Cesare raccontati da Piero Angela che grazie al supporto della realtà aumentata conduce lo spettatore alla scoperta della storia antica di Roma tra rovine, fasti e misteri. Un progetto che in quattro anni ha richiamato oltre 520 mila persone tra turisti e residenti. Il percorso, Viaggi nell’Antica Roma, è curato da Piero Angela in collaborazione con Paco Lancianoe fa parte delle iniziative per la valorizzazione del patrimonio archeologico promosse da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e prodotte da Zètema Progetto Cultura.

Viaggio nell’Antica Roma
fino all’ 11 novembre 2018
http://www.viaggioneifori.it

2. AL PALATINO PER UN PERCORSO INEDITO

Area archeologica del Foro Romano – Palatino

Un grande inedito della stagione estiva romana è la riapertura delle pendici meridionali del Palatino chiuse al pubblico dal 2000. Un’opportunità unica per seguire il percorso guidato di 90 minuti alla scoperta della Roma antica: da Romolo, passando per il villaggio di Augusto, i Palazzi Imperiali, fino ad arrivare alla fase più tarda. Un’idea che si propone di richiamare il pubblico al tramonto per far rivivere le stesse emozioni che Goethe ha raccontato, nel 1786, nel suo libro Viaggio in Italia. Ma sarà anche un percorso naturalistico, a detta degli organizzatori, che hanno ripiantato arbusti e fiori tipici del Palatino.

Tramonto sul Palatino. La passeggiata di Goethe
Fino al 31 agosto 2018
https://www.coopculture.it/events.cfm?id=918

3. UNA NOTTE NELLA VALLE DEI TEMPLI

La Valle dei Templi di Agrigento

Lo scopo? Far vivere un’atmosfera magica al calar del sole fino all’arrivo delle tenebre per scoprire la Valle dei Templi, uno dei siti più rappresentativi della civiltà greca classica. I tour sono organizzati da Gruppo Sicily TravelNet e partono dalla biglietteria del Tempio di Giunone, in Via Panoramica Valle dei Templi, per esplorare il Tempio di Hera (Giunone), il Tempio della Concordia, il Tempio di Eracle (Ercole) e il Tempio di Zeus (Giove) Olimpico. I siti, al calar della notte, vengono illuminati: imperdibile.

Valle dei Templi
Fino al 16 settembre 2018
https://www.lavalledeitempli.it/visite-guidate/valle-illuminata/

4. L’IMMANCABILE CITTÀ SEPOLTA: POMPEI

Pompei di notte

Rivivere attraverso voci, rumori e suoni gli attimi di vita quotidiana degli abitanti di Pompei riscoprendone la storia e le tradizioni. Il percorso interesserà l’area del Foro, cuore della vita politica, religiosa ed economica della città antica, toccando diversi edifici come: la Basilica, l’antico palazzo di Giustizia, il Tempio di Venere e l’Antiquarium. Da settembre l’offerta si arricchirà con performance musicali sulla terrazza dell’Antiquarium, organizzate in collaborazione con la Scabec – Regione Campania nell’ambito del progetto Campania by night.

Passeggiate Archeologiche
fino al 28 settembre
http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Comunicati/visualizza_asset.html_448180484.html

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.