La nuova sala degli Uffizi e l’oblò del Tondo Doni. Allestimenti, polemiche e ironia

Quando un’opera d’arte, soprattutto se un tesoro dei secoli passati, diventa protagonista del dibattito popolare, è sempre cosa buona. Così come è buono e necessario discutere di musei, di allestimenti, di collezioni. Anche tra polemiche e ironia. È il caso della nuova sala degli Uffizi, dedicata a Raffaello e a un dipinto icona di Michelangelo…

Uffizi, la nuova sala dedicata a Raffaello e Michelangelo. Protagonista il Tondo Doni
Uffizi, la nuova sala dedicata a Raffaello e Michelangelo. Protagonista il Tondo Doni

Eike Schmidt, da novembre 2015 alla guida degli Uffizi, uno di quei super direttori stranieri scelti – non senza polemiche – tramite il concorsone legato alla riforma Franceschini, ha presentato il suo nuovo gioiello. Una stanza sontuosa, radiosa, che è già tra le maggiori attrazioni del celebre museo fiorentino. Si è trattato, in primo luogo, di uno spostamento. Un incrocio di sguardi, un gioco di corrispondenze, un’architettura di riflessi e rimandi storici, in un teatro visivo che vede a fianco alcuni mostri sacri del Rinascimento.

MICHELANGELO, RAFFAELLO E GLI ALTRI. NUOVE SALE TRA PITTI E UFFIZI

Da una zona di passaggio del primo piano, dove era esposta dal 2012, è arrivata la fiammante Madonna del Cardellino di Raffaello, valorizzata e resa nuovamente protagonista. E questa si aggiungono altri capolavori dell’Urbinate (dieci in tutto), tra cui i ritratti di Guidobaldo da Montefeltro ed Elisabetta Gonzaga, il San Giovannino e il ritratto di Agnolo Doni e Maddalena Strozzi, quest’ultimo fatto arrivare dalla galleria Palatina di Palazzo Pitti: fu il ricco mercante fiorentino, il cui nome oggi è associato all’unica opera su supporto mobile del Buonarroti, a commissionare al maestro una sacra famiglia, fra il 1503 e il 1504, in occasione delle nozze o forse per il battesimo della primogenita Maria. Ed ecco la bella ricostruzione storica: protagonista della grande parete centrale è proprio lui, il Tondo Doni dall’aurea cornice intarsiata, in cui la pittura si fa, nella serpentina metallica dei colori squillanti, quasi un oggetto scultoreo, straordinariamente vivo, vorticosamente plastico.

Raffaello Sanzio, i ritratti di  Agnolo Doni e Maddalena Strozzi
Raffaello Sanzio, i ritratti di  Agnolo Doni e Maddalena Strozzi

Nel dialogo tra i capolavori di Raffaello e Michelangelo c’è poi l’eco di un rapporto effettivamente consumatosi, dal 1504 al 1508, quando i due si trovavano contemporaneamente a Firenze. Si aggiunge “una terza personalità, spiega Schmidt, “che grazie al confronto con Raffaello riguadagna la propria voce da solista”: proprio nel 1504 Fra’ Bartolomeo, appena arrivato nel capoluogo toscano, divenne un grande amico del Sanzio, con cui studiò e da cui fu fortemente influenzato. Suggestivo l’accostamento tra il Tondo Doni e uno splendido Alessandro Magno morente del I secolo a.C.: proprio quella testa, secondo alcuni studi – ne scrisse anche l’ex direttore Antonio Natali – servì come modello per la Madonna del Tondo.
Altri cambiamenti importanti alla Galleria Palatina, che perde i coniugi Doni ma che guadagnerà – in transito dagli Uffizi – tre gioielli di Raffaello: il Ritratto di uomo con mela, il Ritratto di Papa Giulio II e il Ritratto di Papa Leone, attualmente in restauro all’Opificio delle Pietre Dure. Completeranno il prezioso corpus la Santa Maria Maddalena del Perugino, che fu maestro di Raffaello, L’adorazione del bambino di Francesco Salviati e il Ritratto di uomo di Tiziano Vecellio.

Il Direttore degli Uffizi Eike Scmidt davanti al Tondo Doni. Ph. Turismo Italia News
Il Direttore degli Uffizi Eike Schmidt davanti al Tondo Doni. Ph. Turismo Italia News

RACCONTA SCHMIDT

“La nuova installazione”, racconta ancora il direttore, “sostituisce all’esibizione paratattica di capolavori isolati e feticizzati il principio del dialogo tra le opere, gli artisti e i loro committenti, e invita gli spettatori a scoprire e ripercorrere gli scambi artistici tra i grandi del passato”.
Ma non solo: nell’originaria collocazione, il Tondo Doni aveva intorno una serie di opere di altri artisti fiorentini, che al Buonarroti si erano ispirati. Autori e dipinti che, per Schmidt, “impallidivano” al confronto col capolavoro michelangiolesco. Un allestimento classico, quello precedente, con al centro la perla preziosa e intorno altre presenze più piccole, selezionate per via di diretta ispirazione.
La nuova disposizione punta dunque a una misura diversa, tra essenzialità e forza, sfoderando una concentrazione di massima potenza nella sfilata di tele iconiche, maestose, capaci di sorreggersi a vicenda. Una sorta di scrigno delle meraviglie, luminosissimo, costruito nel segno di rapporti importanti tra artisti e committenti, secondo lo sguardo di Antonio Godoli, curatore del patrimonio architettonico degli Uffizi, responsabile del progetto insieme all’architetto Nicola Santini.

Un meme che prende in giro il nuovo allestimento pensato per il Tondo Doni agli Uffizi
Un meme che prende in giro il nuovo allestimento pensato per il Tondo Doni agli Uffizi

IL TONDO DONI IN LAVATRICE

E veniamo alle note sull’allestimento. Sparite le pareti rosso cardinale che ospitavano il Tondo, la stanza trova una sua cifra minimale anche dal punto di vista dei colori e dei supporti. Il doppio Ritratto di Agnolo Doni e Maddalena Strozzi, ad esempio, è sospeso (o intrappolato?) tra cliniche lastre di vetro (dal sapore un po’ didattico, in verità), mentre altri  dipinti sono inserite in nicchie rettangolari, che un chiaro gusto per la “confezione”  ha ritagliato in mega pannelli laterali, asettici anch’essi, ancorché molto presenti.
Ripensato anche il colore. Muri reinventati radicalmente da un grigio chiaro, morbidamente steso per aumentare la luce e archiviare la patina classica delle tipiche raccolte museali storiche. Spazio freddo, neutrale, contemporaneo.
Infine, con un colpo d’occhio che ha scatenato polemiche, lo strepitoso Tondo Doni si ritrova incastonato in una nicchia circolare profonda, grigia anch’essa, imponente come un occhio piazzato in mezzo a un tempio. Impossibile non azionare l’immaginazione. L’oblò di una lavatrice, un possente subwoofer, un’opera di Anish Kapoor, un tiro al bersaglio, l’espositore di un negozio di cosmetici super chic o di una gioielleria, la finestra di una casa futuristica in un film di fantascienza Anni Settanta. Insomma, nulla che rimandi a un museo, a una collezione cinquecentesca, a certe architetture aristocratiche o religiose.

Uffizi, il Tondo Doni nel vecchio allestimento
Uffizi, il Tondo Doni nel vecchio allestimento

LE CONSIDERAZIONI

Ma soprattutto, nulla che sembri realmente utile all’opera. Non aveva bisogno di molto, la sacra famiglia scolpita nel colore da Michelangelo: niente al di là di una intelligente collocazione. Cornice imponente, preziosa, che è parte dello stesso dipinto a tempera e non semplice ornamento; cromatismi accesi, purissimi; una circolarità che è pieno movimento in potenza: perché provare a amplificare ciò che è già incisivo, nonché monumentale, nella straordinaria intersezione simbolica tra pittura, scultura e architettura?
Il movimento centrifugo della composizione è dichiarato, tra lo spazio del visibile e quello del concetto. E allora l’immagine, incassata nell’oblò, finisce quasi per allontanarsi, anziché vivere e pulsare sul piano quieto del muro. L’intento, forse, era quello di canalizzare lo sguardo dentro un foro prospettico, quasi a risucchiarlo, a rafforzare il ruolo di fulcro del quadro stesso, da cui l’azione prenderebbe il via, dinamizzando l’ambiente. Tentativo ozioso. Il piccolo dipinto di Michelangelo è già macchina scenica, motore immobile, congegno prodigioso fatto di linee sghembe e di volumetrie tonali. Tutto accade, a partire da lì. Il resto è orpello, sovrastruttura.
Nessuna particolare attitudine filologica, per altro, in questa scelta. Il Tondo Doni non nasceva per stare in una nicchia, non v’era alcuno schema architettonico da ricostruire o a cui ispirarsi, nell’elaborazione del display.

Raffaello Sanzio, i ritratti di Guidobaldo da Montefeltro e Elisabetta Gonzaga
Raffaello Sanzio, i ritratti di Guidobaldo da Montefeltro e Elisabetta Gonzaga

Direttore e curatori difendono, com’è ovvio che sia, l’operazione audace – probabilmente troppo audace per essere un allestimento permanente, in una delle sale regine di un museo tra più grandi al mondo -, ma l’accoglienza non è stata calorosa. E sui social è esplosa la solita ilarità a colpi di meme, oltre che di commenti e battute. L’immagine di una lavatrice con il Tondo michelangiolesco frullato al di là dell’oblò, vince per ironia ed efficacia. Una centrifuga per un capolavoro, alimentando in leggerezza un dibattito serio su opere, musei e allestimenti. E se in certi casi, al netto di complesse teorie su ergon e parergon, sofisticazioni tecnologiche e supporti di ultima generazione, bastasse una semplice parete?

– Helga Marsala

Dati correlati
Spazio espositivoGALLERIA DEGLI UFFIZI
IndirizzoPiazzale Degli Uffizi 1 - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Nel 2018 lavora come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e poi dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.
  • Simone De Dominicis

    La tipologia di allestimento era già stata sperimentata sia nelle nuove sale del Botticelli, sia in quelle dedicate al Caravaggio ed al ‘600 e nell’allestimento temporaneo delle opere di Leonardo al primo piano
    E’ vero, però, che in questi casi non tutti i quadri sono inseriti in una nicchia con vetro, ma a volte “protetti” da un distanziatore, come per i due meravigliosi tondi di Botticelli.
    L’obiettivo di privilegiare la visibilità delle opere mi sembra raggiunto, basti pensare a come adesso sia possibile apprezzare tutti i dettagli de “La Calunnia”.
    Certo i vecchi allestimenti erano al limite della decenza…
    Per la nuova sala Michelangelo VS Raffaello, invece, condivido in pieno le perplessità estetiche sull'”oblò” o sulle nicchie in generale.
    A mio parere le scelte dei curatori dovrebbero, però, essere valutate anche dal punto di vista della fruibilità del museo.
    L’utilizzo di vetri protettivi, che le recenti tecnologie hanno reso ininfluenti rispetto alla piena godibilità dell’opera, riduce la necessità della presenza costante dei custodi e degli allarmi.
    Nella endemica difficoltà delle nostre istituzioni museali di reperire personale per garantire la completa apertura delle sale, questo non è un elemento secondario.
    E a proposito di allarmi: sfido chiunque a riuscire a vistare la Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti senza godere del costante accompagnamento musicale delle segnalazioni acustiche….

  • Angel

    Il precedente allestimento della Sala Michelangelo, con le pareti rosse e la magnifica statua di Arianna dormiente, era museologicamente perfetto e tutt’altro che “vecchio”, visto era stato inaugurato nel 2014. Il nuovo allestimento, con le sue teche vetrate a dir poco discutibili oltrechè ingombranti, mirano alla spettacolarizzazione mediatica e “social” dell’opera, complice anche la somiglianza delle teche a degli schermi al plasma, a dei grossi televisori, che sono i mezzi di visualizzazione e fruizione universalmente utilizzati dal grosso pubblico. E dire che un anticipo di tale discutibile scelta si era già avuto con la “sigillatura” dell’Annunciazione di Leonardo Da Vinci in una teca similare, dalla finitura goffrata assai rozza e pesante, in cui l’opera sembra annegare e come allontanarsi dallo spettatore, una gigantesca occhiaia in cui uno dei dipinti più belli di Leonardo sembra sprofondare.
    I continui rimaneggiamenti delle sale (questa è già la terza collocazione subita dai dipinti presenti in sala nel giro di pochissimi anni), sembrano suggerire una mancanza di unitarietà di scelte e di progetto nella risistemazione degli Uffizi. Che ora, oltre alla corretta fruizione delle opere, si vedono privati di ben sette dipinti, fra cui quattro Raffaello (oltre ai tre citati nell’articolo si deve aggiungere il cosiddetto ritratto del Perugino, attribuito al Maestro urbinate in anni recenti), a fronte dell’acquisizione del solo (seppure splendido) dittico dei coniugi Doni. Non ci siamo…

  • Mery

    Solo una domanda: perché…..??
    Poveri capolavori.

  • Pingback: Galeria dos Ofícios: quais obras você não pode deixar de ver no museu()