El Greco morì a causa di un ictus. Scoperti i segni in un suo autoritratto dipinto 14 anni prima

Una ricerca condotta da vari studiosi, tra cui dell’Università di Torino, ha identificato i sintomi di un ictus del maestro del tardo rinascimento spagnolo nel suo celebre autoritratto “Portrait of an Old Man”

L'autoritratto di El Greco con i segni della malattia
L'autoritratto di El Greco con i segni della malattia

Dopo l’artrite di Michelangelo – scoperta attraverso l’analisi dei suoi autoritratti – un altro grande artista è passato al vaglio dell’iconodiagnostica, la disciplina che applica la diagnosi medica allo studio delle opere d’arte: El Greco. Grazie a questa tecnica, Raffaella Bianucci, paleopatologa e antropologa dell’Università di Torino (Sezione di Medicina Legale), Otto Appenzeller, neurologo (New Mexico Health Enhancement and Marathon Clinics Research Foundation, USA) e lo storico dell’arte e biografo del pittore Fernando Marìas (Università Autonoma di Madrid) sono riusciti a identificare i segni dell’ictus, che colpì il grande artista quattordici anni prima della morte, nel suo autoritratto dal titolo Portrait of an old man, conservato al Metropolitan Museum di New York, che l’artista dipinse tra il 1595 e il 1600.

LOBO PARIETALE DESTRO
Studiando il dipinto e cogliendone tutti i dettagli – dalla fronte sinistra meno corrugata all’orecchio più grande e di forma diversa; dal muscolo temporale sinistro e la guancia atrofici, all’angolo sinistro della bocca leggermente incurvato – i ricercatori sono arrivati a ipotizzare la condizione neurologica del celebre pittore e a leggere i segni di un ictus a livello del lobo parietale destro. El Greco si riprese piuttosto bene da questo primo evento che non compromise le sue capacità motorie, e riprese a dipingere. Nel 1608 fu colpito da un secondo ictus risultante in un’agrafia, un evento associato a una lesione corticale sinistra. Due anni dopo recuperò parzialmente la capacità di scrivere ma nel 1614, anno della sua morte, la sua firma risultava completamente irriconoscibile. Lo studio condotto dal team di ricercatori – pubblicato sulla rivista internazionale scientifica Journal of the Neurological Sciences – dimostra che El Greco soffrì di una serie di eventi ischemici che ebbero inizio all’incirca quattordici anni prima che si manifestasse l’ultimo episodio che lo condusse definitivamente alla morte.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.