Nasce a Torino Museo Casa Don Bosco: la storia del santo educatore in 4mila mq del Valdocco

Il museo racconta la storia di adolescenti sbandati che Don Giovanni Bosco, fatto santo nel 1934, salvò nella Torino ottocentesca e trasformò nella Congregazione religiosa dei Salesiani

Museo Casa Don Bosco, Torino - foto Andrea Cappello
Museo Casa Don Bosco, Torino - foto Andrea Cappello

Alla presenza di Vittorio Sgarbi, che dai Salesiani ha studiato, si è inaugurato a Torino il nuovo Museo Casa Don Bosco, nel complesso Valdocco in zona Borgo Dora, dove Don Giovanni Bosco(Castelnuovo d’Asti, 1815-Torino, 1888) – il santo educatore, insieme alla madre Margherita, di giovani poveri e abbandonati – portò qui il suo primo Oratorio, vi fondò nel 1859 l’Ordine religioso ispirato a San Francesco di Sales e lì visse fino alla morte: dove un tempo c’erano solo camerette, ora vi sono custodite opere preziose d’arte sacra. “La nostra Congregazione dei “Salesiani di Don Bosco” ha la gioia e la responsabilità di consegnare, per il bene di tutta la famiglia salesiana del mondo, per i pellegrini e i turisti della Città di Torino, il nuovo allestimento museale, completamente rinnovato, dei luoghi delle origini, dell’avventura educativa e spirituale di don Bosco”, ha dichiarato il Rettor Maggiore dei Salesiani Don Ángel Fernández Artime che ha fortemente voluto questo museo in gestazione da un anno e mezzo. 

IL MUSEO: GLI SPAZI

Sono stati ristrutturati gli ambienti collocati sotto il cortile e la Casa Madre, ma è anche stata restaurata integralmente la collezione di oggetti appartenuti sia a don Bosco che alla prima comunità salesiana. È un patrimonio da scoprire e da gustare, apprezzandone il valore culturale, devozionale e d’identità salesiana“. Non è ancora tutto pronto al 100%, “manca ancora la stanza dedicata a tutta la famiglia salesiana nel mondo”, ha continuato il rettore, “che accoglierà nei prossimi mesi le reliquie di 164 santi di tutto il mondo”, ma su 4mila mq a disposizione ne sono già visibili 3600, suddivisi in tre edifici che comprendono Casa Pinardi, la Chiesa di San Francesco di Sales e le Camerette. Il tutto accanto alla maestosa Basilica di Maria Ausiliatrice voluta dallo stesso Don Bosco e che ne custodisce le spoglie. 

IL MUSEO: IL PROGETTO ARCHITETTONICO

L’intervento progettuale”, ha aggiunto l’architetto Sergio Sabbadini, Responsabile progetto architettonico, “ha mirato, mediante un lavoro di restauro conservativo, a raccontare la storia degli edifici attraverso i suoi spazi e nuovi ritrovamenti (antica fontana, cunicoli a ipocausto, antichi locali voltati)”. Il progetto del nuovo museo ha, infatti, seguito una linea filologica, rimettendo in luce gli ambienti originali della seconda metà ‘800, con l’aggiunta dell’esposizione di collezioni mariane, liturgiche, devozionali e artistiche. Da gennaio 2021 il Museo entrerà nel circuito Abbonamento Musei. 

Claudia Giraud

Evento correlato
Nome eventoInaugurazione Museo Casa Don Bosco
Vernissage03/10/2020 su invito
Duratadal 03/10/2020 al 31/01/2021
Genereinaugurazione
Spazio espositivoMUSEO CASA DON BOSCO
IndirizzoVia Maria Ausiliatrice, 32 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).