Le tre monumentali Porte del Battistero di Firenze di nuovo insieme dopo oltre 40 anni. Le foto

Visibili per la prima volta insieme le tre Porte in bronzo e oro del Battistero di Firenze, nella Sala del Paradiso al Museo dell’Opera del Duomo. Tra cui la Porta Sud di Andrea Pisano appena restaurata

Le tre Porte del Battistero di Firenze nella Sala del Paradiso del Museo dell’Opera del Duomo; Courtesy: Opera di Santa Maria del Fiore, Firenze, FOTO Claudio Giovannini/CGE
Le tre Porte del Battistero di Firenze nella Sala del Paradiso del Museo dell’Opera del Duomo; Courtesy: Opera di Santa Maria del Fiore, Firenze, FOTO Claudio Giovannini/CGE

Dopo un lungo restauro, sono di nuovo insieme le tre monumentali Porte in bronzo e oro del Battistero di Firenze. Si tratta della Porta Est, detta da MichelangeloPorta del Paradiso, capolavoro oramai pienamente rinascimentale del Ghiberti e dei suoi aiuti; della Porta Nord e della Porta Sud.  Visibili per la prima volta l’una accanto all’altra, nella Sala del Paradiso al Museo dell’Opera del Duomo, i tre manufatti devono il loro aspetto odierno a una serie di lavori diretti ed eseguiti dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze. Il ciclo di interventi, iniziato nel 1978, è infatti terminato pochi giorni fa con il ripristino della bellissima doratura della più antica Porta del Battistero, la Porta Sud, realizzata tra il 1330 e il 1336 dallo scultore Andrea Pisano, e con il recupero dei meravigliosi dettagli delle parti scultoree. Con una parte purtroppo mancante: durante l’alluvione del 1966, la Porta fu gravemente danneggiata, alcune formelle caddero per terra e andò perduta una delle 48 teste leonine, trascinata forse via dalla violenta corrente dell’acqua. Ecco le immagini…

-Claudia Giraud

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).