Matera 2019. Le 3 cose da non perdere questo fine settimana nella Capitale della Cultura

Performance pubbliche, mostre e installazioni interattive: ecco gli appuntamenti più interessanti in programma questo fine settimana a Matera, nell’ambito degli eventi di Capitale Europea della Cultura

Le arti come strumento per riscoprire le tradizioni e le radici culturali del territorio e della comunità: è questo il fil rouge che lega le tante e diversificate iniziative promosse nell’ambito di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, con una programmazione di eventi che coinvolge in prima persona esponenti italiani e internazionali del mondo della cultura ma anche e soprattutto il pubblico. Le ultime due performance pubbliche del regista svizzero Milo Rau che mette in scena un Vangelo contemporaneo, 55 anni dopo Pasolini; la prima volta di Franko B. a Matera e la riapertura straordinaria de La secretissima camera de lo core, installazione interattiva che fa viaggiare nei luoghi nascosti della città, sono tra le attività che caratterizzano il cartellone di eventi di questo fine settimana. Ecco nel dettaglio tutti gli appuntamenti…

– Claudia Giraud

www.materaevents.it

1. ULTIME PERFORMANCE DEL GESU’ NERO DI MILO RAU

Ingresso A Gerusalemme 28 settembre 2019 – ph. Alessandra Montemurro

Il prossimo 5 e 6 ottobre vanno in scena a Matera le ultime due performance pubbliche de Il Nuovo Vangelo di Milo Rau per il progetto Topoi. Teatro e Nuovi Miti di Consorzio Teatri Uniti di Basilicata e Fondazione Matera Basilicata 2019. Con quest’opera, il regista svizzero è tornato alle radici del Vangelo, mettendo in scena la Passione di un’intera civiltà in chiave contemporanea, 55 anni dopo Pasolini. Nella scena pubblica del 28 settembre 12 apostoli, 140 migranti provenienti da San Severo – Borgo Mezzanone – e da Metaponto – La Felandina – e un centinaio di cittadini comuni hanno, infatti, seguito il Gesù nero di Milo Rau nella sua Rivolta della dignità a Matera. Un totale di circa 400 persone ha preso parte alla scena artistico-politica realizzata dal regista svizzero invocando una nuova giustizia, tra discorsi incentrati su schiavitù, caporalato, lavoro nero. Cittadini lucani e pugliesi, migranti, agricoltori e contadini delle nostre terre si sono uniti in questo atto di protesta e teatro che sarà riproposto nel weekend.

Domenica 6 ottobre 2019 dalle 15.00 alle 18.00 – Belvedere di Murgia Timone (contrada Murgia Timone, Matera)
performance pubblica e film shooting. Evento incluso nel Passaporto per Matera 2019, prenotazione necessaria su www.materaevents.it o in Infopoint

2. FRANKO  B. PER LA PRIMA VOLTA A MATERA

Franko B., Lost Boys

Nel weekend inaugura anche la rassegna di Arte per le Marche Matera 2019 che presenta, questa volta,  Franko B., un artista unico nel suo genere che affronta il tema del viaggio pensando a coloro che sono costretti a emigrare in altre terre alla ricerca di una nuova vita, portando cosi alla ribalta “gli ultimi” e il loro grido di speranza.

Franko B. – Logos Mundi
Fino al 31 ottobre 2019
Ipogeo Materasum, Recinto XX Settembre, 7 Matera

3. RIAPRE L’INSTALLAZIONE INTERATTIVA CHE FA VIAGGIARE NEI MEANDRI DI MATERA

Immagine Atlante delle Emozioni delle Città – Ph Lercara

Il weekend materano è caratterizzato anche da un’importante riapertura: quella de La secretissima camera de lo core, un labirinto espositivo interattivo che mira a realizzare una modalità inedita di visita della città mediante l’utilizzo di una Mappa Emozionale, prodotta raccogliendo le memorie e i racconti degli abitanti e degli stessi visitatori. Inaugurata lo scorso 23 Marzo presso il quarto piano della Biblioteca provinciale “T. Stigliani”, la mostra sarà nuovamente disponibile per offrire la possibilità di visitare l’installazione site specific, viaggiando tra i segreti più nascosti della Capitale Europea della Cultura per il 2019.

Apertura straordinaria de “La Secretissima camera de lo Core” nel weekend dal 4 al 6 Ottobre
Biblioteca provinciale “T. Stigliani”, Piazza Vittorio Veneto

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).