Da Leonardo al Bauhaus, tutti gli anniversari del 2019 in Italia e in Europa

Il 2019 è l’anno tematico per eccellenza. In Italia si celebrano gli anniversari di Leonardo e di Giulio Romano. In Europa quelli di Rembrandt, Pieter Bruegel il Vecchio e Bauhaus. Eccoli nel dettaglio

Se la stagione espositiva 2019 in Italia ruoterà attorno alle figure di Leonardo da Vinci e di Giulio Romano, due geni del Rinascimento e del Manierismo italiano, nel resto d’Europa saranno il seicentesco Secolo d’oro di Rembrandt in Olanda, Pieter Bruegel il Vecchio nelle Fiandre e il Bauhaus in Germania a dominare. Dai 500 anni dalla morte di Leonardo al centenario dalla fondazione del Bauhaus, ecco gli eventi pensati per celebrarli nel dettaglio…

– Claudia Giraud

1. ANNO LEONARDIANO A MILANO

Leonardo da Vinci (1452-1519), Codice Atlantico (Codex Atlanticus), foglio 920 recto. Copyright Veneranda Biblioteca Ambrosiana Mondadori Portfolio

In occasione delle celebrazioni per i cinquecento anni dalla sua scomparsa, la Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano valorizza il suo patrimonio di opere di Leonardo da Vinci (Anchiano, 1452–Amboise, 1519) tra i più importanti al mondo, e degli artisti della sua cerchia, con quattro mostre di alto profilo scientifico. Tema conduttore sarà il Codice Atlantico, il vero “tesoro leonardiano” dell’Ambrosiana, in grado di ripercorrere la carriera dell’artista nella sua quasi totalità, dai giovanili anni fiorentini, fino all’ultimo periodo trascorso in Francia al servizio di Francesco I.

I segreti del Codice Atlantico, Leonardo all’Ambrosiana.
18 dicembre 2018 – 17 marzo 2019

I segreti del Codice Atlantico, Leonardo all’Ambrosiana.
19 marzo – 16 giugno 2019

Leonardo in Francia. Disegni di epoca francese dal Codice Atlantico
18 giugno – 15 settembre 2019

Leonardo e il suo lascito: gli artisti e le tecniche
17 settembre 2018 – 12 gennaio 2020

2. L’ANNO DI GIULIO ROMANO A MANTOVA

Giulio Romano e bottega, Diomede combatte Fegeo e Ideo, Mantova, Palazzo Ducale, Sala di Troia

A Mantova, il 2019 sarà ricordato come l’anno di Giulio Romano (Roma, 1499 – Mantova, 1546). La figura del più fedele allievo di Raffaello sarà celebrata da una mostra nata dalla collaborazione tra il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova e il Musée du Louvre di Parigi che, per la prima volta, concederà in prestito un nucleo di settantadue disegni, che ripercorreranno, in maniera organica e completa, la carriera professionale di Giulio Romano, dagli esordi a Roma, alla lunga e intensa attività a Mantova, evidenziando la molteplicità dei suoi interessi.

Con nuova e stravagante maniera. Giulio Romano a Mantova
Dal 6 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020
Complesso Museale Palazzo Ducale, Piazza Sordello, 40 Mantova
www.mantovaducale.beniculturali.it

3. REMBRANDT E IL SECOLO D’ORO IN OLANDA

Rembrandt, mauirtshuis courtesy Anna Malagoli PR ManagerEnte Naz. Olandese per Turismo & Congressi

Nel 2019 ricorrono 350 anni dalla morte di Rembrandt van Rijn (Leiden, 1606-Amsterdam, 1669). La vita dell’artista e il periodo in cui operò, il cosiddetto Secolo d’oro, vengono commemorati durante tutto l’anno con mostre speciali in tutta l’Olanda. Esposizioni esclusive ad Amsterdam, Delft, Dordrecht, Haarlem, Hoorn ed Enkhuizen, Leida, Middelburg e L’Aia presenteranno vari aspetti della vita e del lavoro di questo formidabile maestro olandese, di alcuni suoi contemporanei (tra cui Pieter de Hooch al Museum Prinsenhof di Delft, Frans Hals al Frans Hals Museum di Haarlem e Nicolaes Maes al Museo Mauritshuis de l’Aia), oltre a diverse opere realizzate nel ricco e fiorente periodo denominato Secolo d’oro.

https://www.holland.com/global/tourism/discover-holland/rembrandt-and-the-golden-age/350-years-of-rembrandt-and-the-golden-age.htm

4. L’ANNO DI BRUEGEL NELLE FIANDRE

Pieter I Bruegel, Dulle Griet, 1563, Museum Mayer van den Bergh Antwerpen, opname na restauratie, foto KIK IRPA Brussel, courtesy visitflanders

Nel 2019 ricorre il 450°anniversario dalla morte di Pieter Bruegel il Vecchio (Breda, 1525/1530 circa – Bruxelles, 1569). Per l’occasione le Fiandre, nell’ambito del progetto triennale Flemish Masters 2018-2020, ne celebrano la vita e l’epoca con una ricca serie di mostre ed eventi che ne raccontano la figura eccezionale e la grande influenza che ha avuto su altri artisti. Una prima serie di attività inizierà nella primavera del 2019 a Bruxelles e dintorni, per poi proseguire, in autunno, ad Anversa. Un primo assaggio lo si è avuto col ritorno alla Casa-Museo Mayer van den Bergh di Anversa del celebre dipinto Dulle Griet, dopo l’importante restauro che lo ha riportato agli originari splendori, rivelando alcune importanti scoperte.

https://www.flemishmasters.com/it/maestri-fiamminghi/bruegel

5. L’ANNO DEL BAUHAUS IN GERMANIA

Il Bauhaus a Dessau

Nel 2019, la Germania celebra il centenario dalla fondazione del Bauhaus, insieme ai partner regionali, nazionali e internazionali per promuovere la riscoperta del patrimonio del Bauhaus e il suo significato presente e futuro. Fondata a Weimar nel 1919, trasferita a Dessau nel 1925 e chiusa a Berlino sotto la pressione dei nazisti nel 1933, la scuola di design ha potuto esistere ed operare per soli 14 anni. Tuttavia, la leggendaria Bauhaus – School of Design continua a mostrare la sua enorme influenza ancora ai giorni nostri.

https://www.bauhaus100.de/en/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).