I Maestri del Paesaggio. Cinque eventi “green” da non perdere a Bergamo

Edizione numero otto per la rassegna bergamasca che accende i riflettori sull’architettura del paesaggio e l’outdoor design. Coinvolgendo professionisti del settore e dando vita a un intenso calendario di eventi.

Puntuale come ogni anno, si rinnova l’appuntamento con I Maestri del Paesaggio, la kermesse a tema “green” che anima il territorio bergamasco con una serie di iniziative dedicate al landscape design, motivo ispiratore dell’ottava edizione, al via il 6 settembre, all’insegna del “Plant Landscape”.
Per diciotto giorni, incontri, workshop, installazioni e spettacoli regaleranno nuove prospettive sul paesaggio, cedendo la parola a esperti della materia e affidando a uno di loro il compito di ridisegnare gli spazi di Piazza Vecchia, nel cuore di Bergamo Alta, con un progetto che trae spunto dalla natura. Quest’anno la scelta è ricaduta su Piet Oudolf, vero e proprio maestro del plant design.

1. PIET OUDOLF – GREEN SQUARE 2018 – PIAZZA VECCHIA

I Maestri del Paesaggio 2018, Green Square, disegno ©Cinzia Ester Invernizzi

La Green Square 2018 porta la firma di Piet Oudolf, cui si devono soluzioni paesaggistiche nelle quali dominano fiori ed erbe perenni. Originario dei Paesi Bassi, classe 1944, e ideatore dei progetti legati alla High Line di New York e al Millennium Park di Chicago, Oudolf trasformerà Piazza Vecchia, cuore pulsante di Bergamo Alta, in un giardino caratterizzato da accostamenti di svariate tipologie di piante, selezionate per le loro peculiarità. A riprova del talento di Oudolf nello studio e nella valorizzazione degli elementi vegetali.

2. INTERNATIONAL MEETING OF THE LANDSCAPE AND GARDEN – TEATRO SOCIALE

Bjarke Ingels © Steve Benisty

La consueta tavola rotonda dedicata al paesaggio e al giardino, in programma il 21 e 22 settembre presso il Teatro Sociale di Bergamo Alta, riunirà alcuni fra i più noti esponenti del landscaping internazionale. Nel solco del tema di questa edizione, Plant Landscape, prenderanno la parola Piet Oudolf, Filippo Pizzoni, Atelier Le Balto, Louis Benech, Sandra Piesik, Bjarke Ingels, Katrina Knauf e Sarah Eberle, che descriveranno il loro lavoro e il loro approccio al landscaping attraverso talk, lecture e video.
Per la prima volta due architetti di fama globale ‒ Bjarke Ingels dello studio BIG e Katrina Knauf dello studio MVRDV ‒ affiancheranno i grandi nomi del plant design, restituendo una visuale a tutto tondo su una disciplina dalle molte sfumature. Completerà il programma la proiezione di Five Seasons: The Gardens of Piet Oudolf, il documentario diretto da Thomas Piper.

3. PIET OUDOLF STREET GALLERY ‒ VIALE PAPA GIOVANNI

Piet Oudolf © Wilco van Dijen Terra Lannoo Publishers

Anche Bergamo Bassa parteciperà alla kermesse dedicata al paesaggio. Viale Papa Giovanni ospiterà la mostra, curata da Claudia Zanfi, che ripercorrerà visivamente la storia dei giardini ideati da Piet Oudolf, ponendo l’accento sui legami fra questi ultimi e il mondo artistico-botanico. Una serie di scatti, realizzati dallo stesso Oudolf, ne descriveranno la carriera, mentre le immagini di Alberto Callari, fotografo-paesaggista, evocheranno il vivaio-giardino di Oudolf a Hummelo, nei Paesi Bassi.

4. TOUR DELLE DIMORE STORICHE E CORTI A VERDE ‒ SEDI VARIE

Giardino all’italiana del Castello Camozzi Vertova

Le dimore storiche della bergamasca, e le loro corti abbellite dalle più diverse specie vegetali, rappresentano le destinazioni dei tour che prenderanno forma durante i giorni della rassegna, offrendo al pubblico un interessante colpo d’occhio su alcuni gioielli architettonico-paesaggistici del territorio.
Qualche esempio? Villa La Gargana, a Bergamo Bassa, con le sontuose sale affrescate, Villa Pesenti Agliardi a Sombreno, firmata dall’architetto Leopold Pollack, e Castello Camozzi Vertova a Costa di Mezzate.

5. RASTELLI FESTIVAL ‒ BERGAMO ALTA

Enrico Rastelli

Dal 7 al 9 settembre, anche il festival intitolato alla memoria di Enrico Rastelli, innovatore della giocoleria, contribuirà ad animare le atmosfere de I Maestri del Paesaggio. Workshop, spettacoli e tornei faranno rivivere l’arte di Rastelli, considerato uno dei precursori del circo contemporaneo.

Arianna Testino

www.imaestridelpaesaggio.it/2018

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Testino
Arianna Testino è nata nel 1983. Ha studiato storia dell’arte medievale-moderna a Bologna e si è specializzata nelle arti contemporanee a Venezia. Appassionata di scrittura e curatela, è interessata all'approfondimento e all'ideazione di attività artistiche a carattere pubblico e sociale.