Mettere in scena la ricchezza. Tom Johnson a Torino

Guido Costa Projects, Torino – fino al 31 gennaio 2017. Tom Johnson, nella doppia veste di performer e pittore, presenta “Un piano nobile per un uomo alto”. La coinvolgente performance dell’artista newyorchese introduce una riflessione corale sul potere psicologico della ricchezza.

Tom Johnson, Frame della performance Un piano nobile per un uomo alto
Tom Johnson, Frame della performance Un piano nobile per un uomo alto

Le suggestioni teatrali e figurative di Tom Johnson (New York, 1966) riempiono fisicamente ed emotivamente lo spazio espositivo della Guido Costa Projects in occasione della mostra Un piano nobile per un uomo alto. In questa nuova performance, l’artista statunitense ha indagato con fare psicoanalitico gli atteggiamenti della classe media nei confronti della ricchezza e del potere. Il lavoro artistico di Johnson, incentrato fin dagli Anni Novanta sulle performance e il teatro, si sviluppa attraverso il linguaggio intimo del gesto e della parola che scava nella psiche umana e cerca di comprendere e narrare quel cortocircuito sociale e comportamentale che, in maniera involontaria, emerge nei confronti delle persone abbienti. Questo processo di ricerca entra nel vivo dell’atto performativo con l’interpretazione del testo Che cos’è il popolo di William Hazlitt (1778-1830). In mostra sono esposte delle grafiche di Johnson realizzate a carboncino su carta che creano un’ideale scenografia metafisica dove due ombre, dalle differenti dimensioni, simboleggiano l’uomo ricco e quello povero. Le grandi silhouette, che si affiancano a un’altra serie di disegni con teatrini mobili, animano idealmente i vuoti di queste architetture culturali che silenziosamente accolgono il pubblico, il pensiero e le azioni.

Giuseppe Amedeo Arnesano

Evento correlato
Nome eventoTom Johnson - Un piano nobile per un uomo alto
Vernissage05/11/2016 ore 21
Duratadal 05/11/2016 al 31/01/2017
AutoreTom Johnson
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGUIDO COSTA PROJECTS
IndirizzoVia Giuseppe Mazzini 24 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giuseppe Arnesano
Storico dell'arte e curatore indipendente. Laureato in Conservazione dei Beni Culturali all'Università del Salento e in Storia dell'Arte Moderna presso l'Università La Sapienza di Roma. Ha conseguito un master universitario di I livello alla LUISS Master of Art di Roma. Giornalista pubblicista, iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti dal 2011, collabora come critico d’arte con Artribune dal 2011. Nel settore della comunicazione culturale, dal 2013 a oggi, ha lavorato con la Soprintendenza Speciale del Polo Museale Romano, con la Fondazione Torino Musei e la Fondazione Carriero a Milano. Tra le mostre recenti è co-curatore del progetto “Studio e Bottega - Tradizione e Creatività nel segno dell’Arte”, ideato da Ilaria Gianni e realizzato negli spazi della Fondazione Pastificio Cerere di Roma.