La Prima Diffusa della Scala di Milano: dal 1 al 12 dicembre torna una grande iniziativa culturale

Il palinsesto è alla sua decima edizione, dopo un anno di sospensione causa Covid, e coinvolgerà 40 spazi pubblici in tutta la città. Sono 34 le sedi dove vedere il Macbeth di Giuseppe Verdi diretto da Riccardo Chailly.

Teatro alla Scala di Milano
Teatro alla Scala di Milano

Torna a Milano la Prima Diffusa, il palinsesto culturale che accompagna la prima del Teatro alla Scala con iniziative in città e fuori. Al centro di questa decima edizione – dopo un anno di sospensione  – c’è come sempre la proiezione in diretta dell’opera che aprirà la stagione come di consueto il 7 dicembre: Macbeth, di Giuseppe Verdi. L’opera in 200 minuti, diretta da Riccardo Chailly con la regia di Davide Livermore, sarà trasmessa martedì 7 alle 18 su 34 schermi tra Milano e aree limitrofe con diecimila posti per gli spettatori (mille più dell’ultima edizione). Oltre a luoghi storici come il Conservatorio Giuseppe Verdi, la prima sarà visibile in musei, istituzioni e luoghi pubblici come il Mudec, la Porta di Milano dell’aeroporto di Malpensa, il Wow Spazio Fumetto, la Casa della Carità, Casa Jannacci, Made in Corvetto e il Mare Culturale Urbano, oltre che in tre carceri – Opera si unisce quest’anno al Beccaria e a San Vittore. “Prima Diffusa è stato uno dei grandi progetti di partecipazione culturale e di inclusione sociale che ha tracciato la strada per altre iniziative di grande successo”, ha dichiarato l’assessore alla Cultura Tommaso Sacchi, “la collaborazione con il Teatro alla Scala, la partnership con Edison e la partecipazione della RAI hanno reso possibile la trasformazione della Prima in un appuntamento per tutti, e non solo per chi è in Teatro”. Le proiezioni, del tutto gratuite ma con prenotazione obbligatoria, saranno precedute da guide all’ascolto, live o registrate.

Tommaso Sacchi. Photo credits Jetmir Idrizi
Tommaso Sacchi. Photo credits Jetmir Idrizi

 

IL CASTELLO DI MACBETH E GLI ALTRI EVENTI DELLA PRIMA DIFFUSA 

Con oltre 200mila spettatori coinvolti in dieci anni, la Prima Diffusa è diventata un appuntamento fisso e molto amato, anche grazie agli incontri culturali collaterali proposti ogni anno: concerti, performance e letture. Per questa edizione ci saranno 80 eventi in 40 luoghi di cultura e spazi simbolici, a cominciare dall’incontro al Castello Sforzesco il primo dicembre alle 18, è Al Castello di Macbeth, una guida teatralizzata all’ascolto proposta dall’Accademia Teatro alla Scala. Alcuni brani selezionati saranno interpretati da attori e Solisti dell’Accademia di Perfezionamento per Cantanti Lirici della Scala, con la partecipazione del musicologo Fabio Sartorelli. Tra le proposte di quest’anno anche lo spettacolo Macbeth Unplugged di Tournée da Bar con Davide Lorenzo Palla e Irene Timpanaro e l’accompagnamento dal vivo di Tiziano Cannas Aghedu, portato in scena alla Santeria Paladini 8, allo Spirit de Milan e al Mare Culturale Urbano (rispettivamente il 2, 5 e 6 dicembre). Il 2 dicembre alle 18.30 è in programma alla Cineteca Milano del MIC (Museo Interattivo del Cinema) un recital verdiano, con la partecipazione di Neri Marcorè e dei solisti dell’Accademia della Scala – sempre al MIC si terrà una rassegna di titoli shakespeariani dal 2 al 23 dicembre. La sede dell’Accademia di via Santa Marta si aprirà poi nel pomeriggio del 3 dicembre, quando sarà possibile visitare la mostra Accademia Aperta – Dieci anni di Prima Diffusa e assistere a una dimostrazione di preparazione al palco con tanto di trucco e vestizione.  

– Giulia Giaume 

www.yesmilano.it/primadiffusa 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Giaume
Amante della cultura in ogni sua forma, è divoratrice di libri, spettacoli, mostre e balletti. Laureata in Lettere Moderne, con una tesi sul Furioso, e in Scienze Storiche, indirizzo di Storia Contemporanea, ha frequentato l'VIII edizione del master di giornalismo Walter Tobagi. Collabora con diverse riviste su temi culturali, diritti civili e tutto ciò che è manifestazione della cultura umana, semplicemente perché non può farne a meno.