Mille, il nuovo singolo di Achille Lauro, Fedez e Orietta Berti. La cover è di Francesco Vezzoli

L’artista italiano noto per le sue incursioni nelle iconografie della storia del costume ha realizzato la copertina del singolo di un trio quanto mai inedito e bizzarro. Qui rappresentato come come le Tre Grazie

La cover di Mille realizzata da Francesco Vezzoli
La cover di Mille realizzata da Francesco Vezzoli

Galeotto fu Sanremo, e chi vi cantò! Nasce proprio dall’ultima edizione del Festival della Canzone Italiana una singolare band, un trio che più assortito di così non potrebbe essere, nemmeno a volerlo immaginare: Achille Lauro, Fedez e Orietta Berti. Lauro, ospite fisso delle cinque serate del Festival, e Fedez e Berti, rispettivamente in gara con i brani Chiamami per nome (in duetto con Francesca Michielin) e Quando ti sei innamorato, hanno infatti lanciato allo scoccare della mezzanotte dell’11 giugno il singolo frutto della loro collaborazione, Mille, presentato ai loro fan in una diretta Instagram cui hanno partecipato i tre artisti assieme a Chiara Ferragni. Nel mondo musicale nelle ultime ore è tutto un gran chiacchiericcio, e già si prospetta che Mille possa diventare uno dei tormentoni dell’estate 2021. Le sorprese però non terminano qui. Questo nuovo progetto discografico vede inoltre la partecipazione di uno degli artisti italiani più noti a livello internazionale, Francesco Vezzoli (Brescia, 1971), che di Mille ha realizzato l’artwork: un ritratto dei tre cantanti in atteggiamenti e sembianze che ricordano le Tre Grazie, immersi tra i fiori e con espressioni che ricordano vagamente anche le donne dipinte da Sandro Botticelli.

LA COVER DI FRANCESCO VEZZOLI PER ACHILLE LAURO, FEDEZ E ORIETTA BERTI

Durante la diretta Instagram, è Orietta Berti a introdurre l’argomento “cover”, chiedendo a Fedez e a Lauro “ma la copertina l’avete già fatta vedere? È troppo bella! Ma il ragazzo che l’ha fatta è bello pure lui? Lo conosco di nome ma non l’ho mai visto”. Risponde Fedez: “Sì, Vezzoli è bello. Somiglia a David Guetta ma è più bello di David Guetta”. Come accade spesso nell’opera di Vezzoli, anche qui l’artista rielabora in chiave contemporanea temi e soggetti della storia dell’arte: qui in realtà il trio di cantanti è rappresentato nei panni delle Tre Grazie realizzate dal pittore francese Émile Vernon (1872-1920). Un’operazione, quella compiuta dall’artista bresciano, non dissimile da quella che lo scorso anno ha visto protagonista un altro volto celebre del mondo musicale, Mahmood: nel 2020 Vezzoli ha realizzato la cover del sesto numero di Numéro art, rivista francese specializzata in arte contemporanea. Qui l’autore di Soldi è rappresentato nell’atto di “emulare” il personaggio protagonista del dipinto che si trova alle sue spalle, Robert de Montesquiou, intellettuale e dandy francese vissuto tra Otto e Novecento, ritratto da Giovanni Boldini.

– Desirée Maida

Dati correlati
AutoreFrancesco Vezzoli
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.