Successo per C0C. La versione online del festival Club to Club a Torino è ora su YouTube. Le foto

Il nuovo progetto del festival torinese di musica avant-pop ed elettronica ha registrato un’entusiasta partecipazione del pubblico, totalizzando più di 49mila visualizzazioni in 72 ore. Destinate a crescere con i live tuttora online

C0C sabato Carignano2 Claudiu Asmarandei
C0C sabato Carignano2 Claudiu Asmarandei

Grande successo per il progetto inedito C0C – The Festival as a Performance di Club To Club, nonostante abbia dovuto subito abbandonare la versione ibrida, che prevedeva eventi dal vivo e online. A Torino, in piena zona rossa, a pochissime ore dal nuovo DPCM, C0C ha, infatti, dovuto svolgersi esclusivamente online dal 5 all’8 novembre. Ma anche quest’anno – e quest’anno più che mai – il festival di musica avant-pop ed elettronica fondato nel 2002 dall’Associazione Culturale Xplosiva ha registrato un’entusiasta partecipazione del pubblico, totalizzando più di 49mila visualizzazioni nelle sole 72 ore di svolgimento del Festival per gli eventi in programma (da giovedì sera a domenica), con una prevalenza di spettatori in diretta, collegati da più di 50 nazioni (con una maggioranza rilevante di pubblico italiano): numero che è destinato ad aumentare nelle prossime settimane. Tutti gli eventi, infatti, resteranno fruibili sul canale Youtube e sulla pagina Facebook di Club To Club, in modo da offrire a chi si fosse perso alcune performance, come il magnifico live Bienoise per la campagna Allarme Rosso, con un Teatro Carignano riempito metaforicamente di sangue sotto la sua martellante (e unica) traccia di sapore postpunk ripetuta ossessivamente per un’ora, di poter recuperare l’appuntamento. Ecco una gallery con le immagini più significative delle tre serate, più la mattinata con la consueta insolita colazione Lavazza e il risveglio domenicale in compagnia di Nico Vascellari e dei suoi Ninos Du Brasil alla Fondazione Accorsi-Ometto…

– Claudia Giraud

https://www.facebook.com/clubtoclub

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).