Paolo Fresu incontra Giotto. A Venezia

Nell’ambito del format espositivo giocato su creatività e intrattenimento, il musicista sardo ha dato vita a un lavoro sonoro che si ispira a un indiscusso maestro dell’arte italiana.

Paolo Fresu
Paolo Fresu

Con Magister Giotto – la prima monografica del format che promuove a livello internazionale arte, cultura, intrattenimento, prodotto da Cose Belle d’Italia Media Entertainment – si è inaugurato un nuovo modo di fare mostre. Con personaggi noti della cultura italiana come musicisti, scrittori, attori, scenografi invitati a collaborare attraverso composizioni musicali, testi, letture per realizzare ambientazioni innovative, fino a produrre anche progetti paralleli.
È questo il caso di Paolo Fresu con il suo speciale cd intitolato come la mostra, in forma di catalogo d’arte, stampato e assemblato a mano, con un ricco booklet in carta grammata. “Tutto è nato da un incontro con il direttore artistico di ‘Magister Giotto’ Luca Mazzieri”, racconta ad Artribune il celebre trombettista sardo. “La figura di Giotto mi ha da sempre affascinato e il poter mettere un linguaggio contemporaneo come il jazz (seppure aperto e meticciato) a corredo di una mostra tecnologica è stata per me una sfida”.

Paolo Fresu, Magister Giotto (2017)
Paolo Fresu, Magister Giotto (2017)

DALL’ARTE ALLA MUSICA

Fresu ha così selezionato alcuni brani del catalogo Tǔk Music – la casa discografica che lui stesso ha fondato nel 2010 con in copertina i lavori di importanti illustratori e artisti come Olimpia Zagnoli, Mimmo Paladino e Carla Accardi – cesellandoli, fino a creare un vestito sonoro che accompagnasse il visitatore lungo gli spazi espositivi, e impreziosendo il racconto musicale con alcuni brani originali. “I materiali musicali sono stati scelti partendo dai suggerimenti di Luca e provando a immaginare le varie ‘stanze’ allestite, continua il jazzista, “dove ho usato musiche diverse lavorando in alcuni casi sulla consonanza e in altri sulla dissonanza stilistica e sonora, dove suoni acustici di trombe e di archi lasciano spazio a lunghi suoni elettronici che rimandano a una spazialità suggerita dalle immagini di Giotto”.
Ne è nato un percorso visivo e uditivo immersivo, che ora è anche un disco disponibile presso il bookshop della mostra – in corso fino al 5 novembre presso la Scuola Grande della Misericordia a Venezia – e sulle piattaforme digitali. Con un’ulteriore novità: “In questa occasione si inaugura una sottosezione delle mia etichetta discografica Tǔk Music dal titolo ‘Tǔk Art’”, conclude Fresu, “che è dedicata ai progetti musicali legati all’arte e al visivo”.

Claudia Giraud

www.paolofresu.it
www.tukmusic.com

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #39

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Evento correlato
Nome eventoMagister Giotto
Vernissage12/07/2017 su invito
Duratadal 12/07/2017 al 05/11/2017
Generenew media
Spazio espositivoNUOVA SCUOLA GRANDE DI SANTA MARIA DELLA MISERICORDIA
IndirizzoCannaregio 3599 - Fondamenta della Misericordia Venezia - Venezia - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).