Un libro e un disco su Chavela Vargas, Frida Kahlo della musica

I due cantautori siciliani Fabrizio Cammarata e Antonio Di Martino omaggiano la grande cantante messicana Chavela Vargas, amante di Frida Kahlo. Con un album e un romanzo che ne raccontano la vita, l’arte, gli amori e i dolori.

Chavela Vargas
Chavela Vargas

Un viaggio alla scoperta del Messico e di una delle sue artiste più rappresentative è Un mondo raro. Vita e incanto di Chavela Vargas, l’omaggio musicale e letterario realizzato dai cantautori siciliani Fabrizio Cammarata e Antonio Di Martino, maturato tra una tappa e l’altra del loro lungo percorso – da Palermo al Paese centroamericano – e dedicato alla grande cantante messicana scomparsa nel 2012. Il progetto nasce dalle suggestioni, dai suoni, dai colori del Messico e dalla voce della Vargas come colonna sonora di bordo, raccolti dai due musicisti in un libro e in un disco: il romanzo biografico su Chavela, pubblicato da La Nave di Teseo, uscirà il 19 gennaio, mentre il 20 sarà disponibile in digitale e successivamente in vinile l’album registrato tra Città del Messico e Palermo e prodotto da Picicca Dischi. “Durante uno dei nostri spostamenti fra una città e l’altra, su un bus puzzolente e affollato – racconta Cammarata –, ad Antonio viene un’idea. Si toglie gli auricolari e mi dice “facciamo un disco traducendo queste canzoni!”. Si riferiva alle canzoni del repertorio della Vargas, e dopo un po’ di giorni eravamo già in studio con i musicisti di Chavela, proprio loro, i suoi due chitarristi. È stato emozionantissimo”.

UNA VITA APPASSIONANTE

I due cantautori hanno tradotto e reinterpretato in italiano dieci tra le canzoni più note dell’artista messicana, registrandole insieme a Juan Carlos Allende e Miguel Peña, i musicisti di Chavela. Proprio da questo incontro, è nata l’idea del romanzo: “Abbiamo conosciuto tutte le persone che erano state più vicine a Chavela, che ci hanno raccontato mille storie, ed è lì che ci è sembrato che il disco da solo ci stesse un po’ stretto” – continua Cammarata. “La vita di Chavela Vargas è un romanzo già di per sé, e tutte quelle storie andavano raccontate, soprattutto al pubblico italiano, che non ha avuto modo di conoscere a fondo questo personaggio unico”. Vita intensa, quella della Vargas, fatta di passioni, anticonformismo, solitudine, amore, alcolismo, luci e ombre: da adolescente canta per le strade, tra gli Anni Sessanta e i Settanta inizia la sua attività di cantante professionista, ma i riconoscimenti internazionali arrivano soltanto dopo gli ottant’anni. Frequenta gli artisti messicani, diventa amica di Diego Rivera e Frida Kahlo, di cui è stata anche amante. Per la sua Frida, nel 2002, appare nel film dedicato alla pittrice diretto da Julie Taymor, con un’intensa e struggente interpretazione della famosissima canzone popolare La Llorona.

Desirée Maida

www.picicca.it
www.lanavediteseo.eu

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.