Paolo Sorrentino in nomination agli Oscar 2022 con È stata la mano di Dio

Un annuncio sperato e arrivato, il film più personale di Paolo Sorrentino è candidato agli Oscar. Tra gli altri titoli spiccano Il potere del cane, Dune, West Side Story.

È stata la mano di Dio, il film più personale di Sorrentino
È stata la mano di Dio, il film più personale di Sorrentino

Annunciati i film candidati agli Oscar 2022, la cui cerimonia di premiazione è prevista per la notte tra il 27 e il 28 marzo al Dolby Theatre di Hollywood, in California. Le candidature, annunciate da Tracee Ellis Ross e Leslie Jordan, riguardano 23 categorie. E tra i candidati al premio per il miglior film internazionale c’è l’Italia con È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino. Una candidatura in cui si spera e crede tantissimo sin dall’anteprima mondiale del film alla 78esima Mostra del Cinema di Venezia. Il film con più nomination (12) è il Potere del cane, disponibile su Netflix proprio come il film di Sorrentino, e ne hanno ricevute molte anche titoli quali Dune, West Side Story e Belfast.

È stata la mano di Dio, il film più personale di Sorrentino
È stata la mano di Dio, il film più personale di Sorrentino

I FILM ITALIANI CANDIDATI AGLI OSCAR 

“Le candidature agli Oscar di Paolo Sorrentino per la regia di “È stata la mano di Dio”, di Enrico Casarosa per la regia di “Luca” e di Massimo Cantini Parrini per i costumi di “Cyrano” sono un grande risultato per il cinema italiano, che si conferma in ottima salute e capace, con il suo genio creativo, di raccogliere pubblico e consensi a livello internazionale. Un grosso in bocca al lupo agli artisti italiani in corsa per la statuetta più ambita del cinema mondiale”, ha commentato il Ministro Dario Franceschini. Oltre al film di Paolo Sorrentino il Ministro cita il Cyrano di Joe Wright, musical emozionante tratto dalla celebre commedia Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand, girato in Italia precisamente in Sicilia tra Noto, Scicli, Siracusa e l’Etna. E Cantini Parrini che ne ha curato i costumi era in nomination anche lo scorso anno con Pinocchio di Matteo Garrone. Per quanto riguarda Luca, si tratta invece dell’animazione targata Walt Disney e diretta da Enrico Casarosa. ambientata nella colorata Liguria delle Cinque Terre. Una storia magica, di amicizia e di profondo senso della cuirosità e della scoperta. Cyrano e Luca sono grandi e importanti titoli internazionali in cui si vede una chiara e forta componenente del Belpaese, rappresentato però in tutto e per tutto in questa corsa verso la statuetta è più ambita del cinema da È stata la mano di Dio.

DA UNA SCENA DI È STATA LA MANO DI DIO

In È stata la mano di Dio il giovane protagonista incontra il regista Antonio Capuano con il quale ha una conversazione tra le più belle scritte e sul cinema, qui un piccolo estratto: Fabio: “Non lo so, pensavo di andare a Roma a fare il cinema, così capisco se ci sono tagliato”. Capuano: “A Roma? La fuga? So palliativ’ ro cazz! Alla fine torni sempre a te schisa, e torni qui, al fallimento, perché è tutto un fallimento, è tutta una cacata, hai capito o no? Nessuno inganna il proprio fallimento, nessuno se ne va veramente da sta città. Roma? Che cazz’ ci vai a fa a stu Roma? Sul ’e strunz vann a Roma! Hai visto quante cose da raccontà ce stanno int’ a sta città. Guarda, guarda… Ma è mai possibile che ‘sta città non te fa veni in mente nient’ a raccuntà? Insomma Schisa la tien’ coccos a ricer’? O si nu strunz come tutti quant’ llate? A tiene na cos’ a raccuntà? Forza, curaggio. A tiene o no n’a cos’a raccunta? Tien’e’ o coraggio roo ddicere. E te vo movere o no?”.

Margherita Bordino

Miglior film
Belfast
CODA
Don’t Look Up
Drive My Car
Dune
King Richard
Licorice Pizza
La fiera delle illusioni – Nightmare Alley
Il potere del cane
West Side Story

Miglior film internazionale
Drive My Car (Giappone)
Flee (Danimarca)
È stata la mano di Dio (Italia)
Lunana: A Yak in the Classroom (Bhutan)
The worst person in the world (Norvegia)

Miglior regia
Paul Thomas Anderson – Licorice Pizza
Kenneth Branagh – Belfast
Jane Campion – Il potere del cane
Steven Spielberg – West Side Story
Ryûsuke Hamaguchi – Drive My Car

Miglior attore protagonista
Javier Bardem – Being the Ricardos
Benedict Cumberbatch – Il potere del cane
Andrew Garfield – Tick, Tick … Boom! 
Will Smith – King Richard
Denzel Washington – Macbeth

Miglior attrice protagonista
Jessica Chastain – Gli occhi di Tammy Faye
Olivia Colman – La figlia oscura
Penélope Cruz – Madres paralelas
Nicole Kidman – Being the Ricardos
Kristen Stewart – Spencer

Miglior attore non protagonista
Ciaran Hinds – Belfast
Troy Kotsur – CODA
Jesse Plemons – Il potere del cane
J.K. Simmons – Being the Ricardos
Kodi Smit-McPhee – Il potere del cane

Miglior attrice non protagonista
Jessie Buckley – La figlia oscura
Ariana DeBose – West Side Story
Judi Dench – Belfast
Kirsten Dunst – Il potere del cane
Aunjanue Ellis – King Richard

Miglior colonna sonora
Don’t Look Up 
Dune 
Encanto 
Madres paralelas
Il potere del cane

Migliori costumi
Cruella 
Cyrano 
Dune 
La fiera delle illusioni – Nightmare Alley
West Side Story 

Miglior sceneggiatura originale
Belfast
Dont’ look up
King Richard
Licorice pizza
The worst person in the world

Miglior sceneggiatura non originale
Coda
Drive my car
Dune
La figlia oscura
Il potere del cane

Miglior sonoro
Belfast
Dune
No Time to Die
Il potere del cane
West Side Story

Miglior canzone originale
“Be Alive” — Beyoncé Knowles-Carter & Darius Scott (King Richard)
“Dos Oruguitas” — Lin-Manuel Miranda (Encanto)
“Down to Joy” — Van Morrison (Belfast)
“No Time to Die” — Billie Eilish & Finneas O’Connell (No Time to Die)
“Somehow You Do” — Diane Warren (Four Good Days)

Migliori effetti visivi
Dune
Free Guy
Shang-Chi and the Legend of the Ten Rings
No Time to Die
Spider-Man: No Way Home

Miglior fotografia
Dune
La fiera delle illusioni – Nightmare Alley
Il potere del cane
Macbeth
West Side Story

Miglior montaggio
Dont’ look up
Dune
King Richard
Il potere del cane
Tick, Tick… Boom!

Miglior scenografia
Dune
La fiera delle illusioni

Il potere del cane
Macbeth
West Side Story

Migliori trucco e acconciature
Coming 2 America
Cruella
Dune
Gli occhi di Tammy Faye
House of Gucci

Miglior documentario
Ascension
Attica
Flee
Summer of Soul
Writing with fire

Miglior film d’animazione
Encanto
Flee
Luca
I Mitchell contro le macchine
Raya e l’ultimo drago

Miglior cortometraggio documentario
Audible
Lead Me Home
The Queen of Basketball
Three Songs for Benazir
When We Were Bullies

Miglior cortometraggio
Ala Kachuu — Take and Run
The Dress
The Long Goodbye
On My Mind
Please Hold

Miglior cortometraggio animato
Affairs of the Art
Bestia
Boxballet
Robin Robin
The Windshield Wiper

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival, rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità, è giornalista pubblicista e content creator. Coordina il video magazine di Cinecittà, collabora tra gli altri con le Rivista 8 1/2 e Mediterraneo e dintorni, ed è autrice del programma tv Luce Social Club (Sky Arte).