Sky Arte Festival a Palermo. Enrico Lo Verso e Manuel Agnelli incantano il Teatro Garibaldi

L’attore palermitano protagonista di “Michelangelo – Infinito” e il cantante degli Afterhours Manuel Agnelli hanno fatto il “tutto esaurito” presso il teatro alla Kalsa. Ecco cosa è successo…

Michelangelo Infinito; 33 giri Italian Masters – Fossati
Michelangelo Infinito; 33 giri Italian Masters – Fossati

Dopo il successo della serata inaugurale con il concerto di Brunori Sas al Teatro al Massimo, lo Sky Arte Festival– che quest’anno ha scelto Palermo come sede della manifestazione– inaugura la sua seconda giornata di eventi con una serie di talk svoltisi al Teatro Garibaldi, quartier generale della kermesse, all’insegna del cinema e della musica: Michelangelo Infinito; 33 giri Italian Masters – Fossati.

IL MICHELANGELO DI ENRICO LO VERSO

È dedicata al genio di Michelangelo Buonarroti la nuova produzione cinematografica di Sky Arte dal titolo Michelangelo – Infinito, pellicola da Emanuele Imbuccie interpretata da Enrico Lo Verso, che veste i panni dell’artista toscano. Il regista e l’attore palermitano hanno condiviso con il pubblico riflessioni legate alla realizzazione del film, e in particolare Lo Verso ha provato a spiegare il fil rouge che lega la sua esperienza di attore alla figura di Michelangelo: nel film viene messa in evidenza la fatica fisica che accompagna il lavoro dell’artista che, in totale solitudine, ha realizzato gli affreschi della Cappella Sistina. “La fatica sul set è doppia, è sia fisica sia mentale, perché bisogna mantenere una concentrazione costante”, commenta Lo Verso. “La fatica di Michelangelo forse era anche dovuta al fatto di non avere amici con cui condividerla: era un personaggio molto solo, era come la pietra che lavorava, e probabilmente ha raggiunto altissimi livelli nella scultura perché vedeva nella pietra un alter ego con cui esprimere le sue emozioni e i suoi sentimenti”.

MANUEL AGNELLI CANTA IVANO FOSSATI

In un Teatro Garibaldi gremito, Stefano Senardi racconta la seconda serie di 33 giri Italian Masters, produzione di Sky Arte dedicata ai grandi interpreti della musica italiana e ai loro dischi migliori. Tra i protagonisti della nuova stagione del programma è anche Ivano Fossati, a cui è dedicata una puntata che ripercorre la storia di uno dei suoi album più celebri, Lindbergh – Lettere da sopra la pioggia. Senardi parla della musica di Fossati con Manuel Agnelli, cantante degli Afterhours che, insieme a Rodrigo D’Erasmo, canta e suona dal vivo la sua versione di La canzone popolare davanti a un pubblico in visibilio. Senza dubbio tra i momenti più intensi dello Sky Arte Festival a Palermo.

– Desirée Maida

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.