A Genova la terza edizione del festival di architettura New Generations. Di che si parla? Dallo spazio pubblico ai nuovi modelli economici emergenti

Dopo Milano e Firenze, è Genova la città scelta per la nuova edizione del festival internazionale di architettura curato da Gianpiero Venturini (Brescia, 1982), architetto e titolare di Itinerant Office, per l’associazione culturale New Generations. Promosso quest’anno dall’Ordine degli Architetti di Genova e dalla sua Fondazione, l’appuntamento prende avvio il 26 novembre presso il Palazzo […]

Dopo Milano e Firenze, è Genova la città scelta per la nuova edizione del festival internazionale di architettura curato da Gianpiero Venturini (Brescia, 1982), architetto e titolare di Itinerant Office, per l’associazione culturale New Generations. Promosso quest’anno dall’Ordine degli Architetti di Genova e dalla sua Fondazione, l’appuntamento prende avvio il 26 novembre presso il Palazzo della Borsa, in Piazza de Ferrari, per entrare nel vivo con il consueto densissimo programma di attività culturali nell’arco dei tre giorni successivi; a questo cartellone si affiancano i due workshop pratici destinati a studenti e neo-laureati.
“Beyond Architecture” è il tema guida selezionato per il 2015, declinato in tre ambiti di riflessione che sottintendono l’intero programma: city (urgencies), finalizzato ad attivare uno scambio sulla governance urbana tra i soggetti coinvolti nella ridefinizione dello spazio pubblico; architects ground zero, che attraverso il coinvolgimento di alcuni dei più promettenti nomi del panorama internazionale intende monitorare le costanti evoluzioni del ruolo dell’architetto contemporaneo; funding models, con una specifica attenzione sui modelli economici emergenti – dal crowdfunding ai progetti collaborativi – sempre più di maggiore interesse anche per le giovani generazioni di professionisti.
Secondo le modalità ormai distintive dell’iniziativa – tra cui la nutrita presenza di ospiti provenienti da tutto il mondo – si susseguiranno per la durata del Festival tavole rotonde, presentazioni e alcuni eventi satellite, con ritmo serrato e stimolante. Non mancherà la serata Pecha Kucha (venerdì 27, Teatro della Tosse, ore 20.30), mentre in sinergia con l’Ordine degli Architetti di Genova sono stati sviluppati gli “Itinerari di architettura”, un’occasione per conoscere mete di interesse architettonico del capoluogo ligure.

Valentina Silvestrini

http://www.newgenerationsweb.com/festival/

CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Valentina Silvestrini (Foligno, 1982) è architetto con specializzazione in allestimento e museografia. Si è formata presso l’Università La Sapienza e la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia". Ha sviluppato il suo percorso professionale nell’ambito degli allestimenti temporanei, fieristici e museali e degli eventi di natura culturale e promozionale. È stata assistente alla progettazione di mostre presso lo studio “Il Laboratorio srl” (Roma, 2004/2007) e ha svolto un internship all’ufficio Eventi Speciali di Pitti Immagine srl (Firenze, 2008). Presso l’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero (Roma, 2008/2010) ha ricoperto il ruolo di assistente alla progettazione di layout espositivi e di assistente alla direzione lavori, recandosi in centri fieristici ed espositivi all’estero (Giappone, Russia e Germania). Ha collaborato con la FUA -Fondazione Umbra per l’Architettura (Perugia, 2011), occupandosi del coordinamento eventi e della comunicazione. E' caporedattore architettura/design/arte di Cosebelle Magazine, per il quale scrive dal 2011.