La Basilicata devastata dalle trivellazioni petrolifere, a teatro. Ci sarà anche questo al Teatrocinefestival di Calcata, paesino del viterbese

“M.E.D.E.A. è l’acronimo di un master in Management dell’Economia dell’Energia e dell’Ambiente organizzato e gestito dall’Eni. Da questa strana fatalità è nata l’idea di raccontare il dramma della Basilicata devastata dalle trivellazioni petrolifere, giocando con graffiante ironia tra gli archetipi del mito. Al mito greco fa da contrappunto quello locale, incarnato dalla Madonna Nera venerata […]

Collettivo Internoenki, M.E.D.E.A. Big Oil

M.E.D.E.A. è l’acronimo di un master in Management dell’Economia dell’Energia e dell’Ambiente organizzato e gestito dall’Eni. Da questa strana fatalità è nata l’idea di raccontare il dramma della Basilicata devastata dalle trivellazioni petrolifere, giocando con graffiante ironia tra gli archetipi del mito. Al mito greco fa da contrappunto quello locale, incarnato dalla Madonna Nera venerata sul Monte Sacro di Viggiano, ai cui piedi brucia la fiamma perenne del Centro Oli della Val d’Agri. In questa terra Dio Petrolio e Vergine Nera si fronteggiano da secoli in una sfida senza vincitori”: Terry Paternoster, energica fondatrice e leader del Collettivo Internoenki introduce M.E.D.E.A. Big Oil, spettacolo vincitore del Premio Scenario per Ustica 2013, in programma a Calcata all’interno della seconda edizione di Ad Arte 2015 Calcata Teatrocinefestival.
Il Festival, che attraversa il minuscolo comune italiano in provincia di Viterbo dall’8 al 12 luglio, articola una proteiforme programmazione divisa tra cinema, performance e teatro. È previsto anche, a cura della redazione romana di Persinsala, un laboratorio di riflessione critica finalizzato all’analisi dei diversi linguaggi espressivi e segni artistici proposti, come suggerisce il coordinatore Daniele Rizzo: “A Calcata, baluardo r-esistente che fonde cultura, natura e stile di vita, il workshop chiama gli spettatori a dire la propria, attraverso una full-immersion di buona arte“. ll laboratorio, rivolto anche a chi non ha una preparazione specifica, è a cura di Alessandro Alfieri, critico teatrale, giornalista, saggista e cultore della materia di Estetica presso l’Università La Sapienza di Roma. Affinare le armi della parola e dello sguardo, per poter alzare la voce: succede a Calcata, d’estate.

Michele Pascarella

http://dillingerasscult.it/adarte/

CONDIVIDI
Michele Pascarella
Dal 1992 si occupa di teatro contemporaneo e tecniche di narrazione sotto la guida di noti maestri ravennati. Dal 2010 è studioso di arti performative, interessandosi in particolare delle rivoluzioni del Novecento e delle contaminazioni fra le diverse pratiche artistiche.