Fondazione Prada Milano apre a maggio insieme a Expo e Biennale di Venezia. Con una mostra d’arte antica

Sabato 9 maggio 2015. Era la scelta da tutti pronosticata, quella più logica, per tanti aspetti, e così infatti sarà: l’inaugurazione della nuova sede di Milano della Fondazione Prada avverrà nel pieno del via all’Expo 2015, quando Milano diventerà il centro del mondo della comunicazione, della creatività, dell’innovazione, con puntati i riflettori dei media di […]

Il rendering della nuova sede di Milano della Fondazione Prada

Sabato 9 maggio 2015. Era la scelta da tutti pronosticata, quella più logica, per tanti aspetti, e così infatti sarà: l’inaugurazione della nuova sede di Milano della Fondazione Prada avverrà nel pieno del via all’Expo 2015, quando Milano diventerà il centro del mondo della comunicazione, della creatività, dell’innovazione, con puntati i riflettori dei media di tutto il globo. Le giornate di anteprima si svolgeranno infatti da sabato 2 a venerdì 8 maggio, le stesse date della rassegna globale (e anche della Biennale di Venezia, per un corto circuito – si spera virtuoso – che non ha precedenti almeno in Italia). Giornate che vedranno il direttore artistico della fondazione, Germano Celant, protagonista assoluto come responsabile dei progetti artistici dell’Expo.
La nuova sede di Milano, progettata dallo studio OMA di Rem Koolhaas, combina edifici preesistenti e tre nuove costruzioni, risultato della trasformazione di una distilleria risalente agli anni dieci del Novecento. Situato in Largo Isarco, nella zona sud di Milano, il complesso si sviluppa su una superficie totale di 19mila m2, di cui 11mila saranno utilizzati per le attività espositive. E l’annuncio delle date è stato arricchito da diversi dettagli: come il bar ideato dal regista Wes Anderson all’entrata del nuovo centro, che ricrea l’atmosfera dei tipici caffè di Milano. Assieme all’area didattica dedicata ai bambini e sviluppata con gli studenti dell’École nationale supérieure d’architecture de Versailles. Tanti i progetti già in cantiere in occasione dell’apertura della nuova sede, con protagonisti di livello internazionale. Come Robert Gober e Thomas Demand, che realizzeranno installazioni site-specific in dialogo con le architetture industriali e con i nuovi spazi, mentre Roman Polanski esplorerà le suggestioni cinematografiche che hanno ispirato i suoi film in un progetto che si tradurrà in un documentario inedito e in una rassegna cinematografica.
Parallelamente ai nuovi spazi di Milano, rimarrà attiva la sede di Venezia a Ca’ Corner della Regina: da maggio e nel corso dell’estate 2015 i due spazi saranno idealmente uniti da due mostre di arte antica a cura di Salvatore Settis. Serial Classic, a Milano, e Portable Classic, a Venezia: la prima dedicata alla scultura classica, la seconda tesa ad esplorare origini e funzioni delle riproduzioni in miniatura di sculture classiche

fondazioneprada.org

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Giovanni

    Grazie Signora Prada, grazie davvero. Un milanese