Creativo, sperimentale, indipendente. Watt, magazine firmato da Maurizio Ceccato, vince l’ADI Design Index Lazio

Bastano 30 centimetri per 30: è il formato di un nuovo e apprezzatissimo progetto editoriale, pensato con un approccio bottom-up, esempio concreto di come l’editoria di qualità, indipendente e fresca, sappia vinere la crisi della carta stampata a sostegno di pubblicazioni non convenzionali, progettate dal basso, che diano voce a nuovi narratori. Non è un […]

La cover di Watt

Bastano 30 centimetri per 30: è il formato di un nuovo e apprezzatissimo progetto editoriale, pensato con un approccio bottom-up, esempio concreto di come l’editoria di qualità, indipendente e fresca, sappia vinere la crisi della carta stampata a sostegno di pubblicazioni non convenzionali, progettate dal basso, che diano voce a nuovi narratori.
Non è un caso, dunque, che “Watt. Senza alternativa. Volume 3,14 pi greco”, il terzo della serie, sia il vincitore del premio ADI Design Index 2014, conferito lo scorso 27 novembre presso l’Ex Cartiera Latina di Roma dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.
IFIX, società di comunicazione che haideato e prodotto i volumi Watt, ha incrociato racconti visivi e sillabici con illustrazioni contemporanee, scegliendo una veste grafica ed una rilegatura ricercate e accattivanti. Maurizio Ceccato, designer di IFIX, ha trasformato lo spazio di ogni pagina della rivista in un luogo osmotico, in cui gli autori non lasciano solo un contributo, ma marcano, tra le serigrafie, un percorso di ricerca e sperimentazione. E si attende già, con viva curiosità, la prossima uscita.

–   Flavia Chiavaroli

 

CONDIVIDI
Flavia ChiavarolI
Architetto, exhibition designer e critico freelance. Osservatrice attenta e grande appassionata di architettura ed arte moderna e contemporanea riporta la sua esperienza nell’organizzazione di workshop, collabora con artisti e fotografi e aggiornando i principali social network. Dal 2012 si occupa di progettazione di mostre ed eventi.