Parigi in anteprima a Milano. Artcurial mette in vetrina il catalogo delle vendite di dicembre: da Christo e Jeanne-Claude alle borse Hermès, ecco le immagini

In mostra c’è una selezione dei lotti che saranno battuti in asta a Parigi dal 1 al 19 dicembre prossimi. Ma la vera anticipazione allestita a Palazzo Crespi è rappresentata da un olio che verrà messo in asta solo ad aprile del 2015: si tratta de Il pagamento del dazio, anche detto L’avvocato di campagna, […]

In mostra c’è una selezione dei lotti che saranno battuti in asta a Parigi dal 1 al 19 dicembre prossimi. Ma la vera anticipazione allestita a Palazzo Crespi è rappresentata da un olio che verrà messo in asta solo ad aprile del 2015: si tratta de Il pagamento del dazio, anche detto L’avvocato di campagna, un olio su pannello parquettato di Brueghel il Giovane, del 1620 circa, 74 x 123 cm, stimato 500–800mila euro. La composizione, fonte iconografica per la ricostruzione della storia sociale dell’antico regime, proverà a superare il record raggiunto nel 2013 con la vendita della versione più antica della tavola medesima.
Di che stiamo parlando? Della mostra con la quale a Milano, nei saloni a piano terra di Palazzo Crespi, la casa d’aste parigina Artcurial presenta in anteprima una selezione di lotti che saranno battuti in asta a Parigi. Ovvero: la casa d’aste utilizza Milano come vetrina per lanciare vendite che continua a tenere a Parigi. Attorno all’olio di Brueghel, si articola in diversi nuclei l’esposizione che riguarda alcuni dei numerosi dei dipartimenti specialistici di Artcurial. Nell’ambito delle Arti Decorative sono presenti mobili e suppellettili antichi, arredi sofisticati e risalenti al XV – XVI secolo. La sezione di opere d’arte, invece, si presenta decisamente eteroclita, offrendo uno sguardo plurimo sul Novecento, tra Vasarely, Poliakoff, due progetti di Christo e Jeanne-Claude (Central Park,1982 e Umbrella,1989) e anche un lavoro di Sturtevant, Study for Andy Warhol Flowers, serigrafia e acrilico su tela del 1971 (55,50 x 55,50 cm) stimata, 60–80mila euro.
In mostra anche un raffinato cammeo, omaggio ad Antoine de Saint-Exupéry: un acquerello firmato, rappresentante un personaggio del Piccolo Principe, l’astronomo, che corrisponde alla pagina 245 della prima edizione del 1943 del volume pubblicato da Reynal & Hitchcock. Oltre a tre modelli di borse firmate Hermès, tra gli Highlights sono presenti anche, disposti in teche separate, alcuni modelli storici firmati Panerai, precedentemente esposti in anteprima nella mostra itinerante tenutasi i primi di novembre a Ginevra e in mostra a Parigi da giovedì 4 a domenica 7 dicembre.

– Ginevra Bria

Fino al 23 novembre 2014
Palazzo Crespi
Corso Venezia, 22 – Milano
www.artcurial.com/milano/

 

 

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.