Lo Strillone: i fratelli Chapman contro Damien Hirst su Corriere della Sera. E poi la nuova Cappella Sistina

Tracey Emin? Si è “gentrificata”. Damien Hirst? Peggio che andar di notte: assuefatto dal benessere ormai produce solo “merda”. Parola del dinamitardo Jake Chapman, nell’intervista senza freni rilasciata al Sunday Times e ripresa oggi a tutta pagina su Corriere della Sera. Dove Gian Arturo Ferrari mostra il bello e il brutto della Calabria: passando dal […]

Quotidiani
Quotidiani

Tracey Emin? Si è “gentrificata”. Damien Hirst? Peggio che andar di notte: assuefatto dal benessere ormai produce solo “merda”. Parola del dinamitardo Jake Chapman, nell’intervista senza freni rilasciata al Sunday Times e ripresa oggi a tutta pagina su Corriere della Sera. Dove Gian Arturo Ferrari mostra il bello e il brutto della Calabria: passando dal disagio per il deserto in cui predicano i Bronzi di Riace, senza visitatori, al piccolo ma vigoroso TropeaFestival.

In prima pagina su La Repubblica la “nuova” Cappella Sistina, con impianto di illuminazione di ultima generazione e visite guidate con occhiali 3D; Il Sole 24Ore comincia a orientarsi tra gli eventi collaterali di Expo 2015.

Mostra in stile Halloween alla British Library e su La Stampa, con un tuffo nell’immaginario orrorifico, tra arte e letteratura, che ci porta indietro nel tempo di due secoli e mezzo. In riva al Tamigi anche Libero: una breve annuncia la mostra di fotografie di Baryshnikov alla Galleria Contini.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.