L’Expo 2015 a Milano? Culturalmente sarà un disastro: questo prevedono i lettori nell’ultimo sondaggio di Artribune. Che ora chiede quale sia la Biennale più influente del mondo

La Biennale più influente del mondo? Questo il tema del nuovo sondaggio di Artribune che interroga voi lettori su quale sia la kermesse che conquista i visitatori, orienta il sistema dell’arte, stabilisce le tendenze. Sarà la più antica del mondo, Venezia, nata nel 1895 in Laguna? O sarà la quinquennale Documenta? Sarà Berlino con la […]

Expo 2015

La Biennale più influente del mondo? Questo il tema del nuovo sondaggio di Artribune che interroga voi lettori su quale sia la kermesse che conquista i visitatori, orienta il sistema dell’arte, stabilisce le tendenze. Sarà la più antica del mondo, Venezia, nata nel 1895 in Laguna? O sarà la quinquennale Documenta? Sarà Berlino con la sua scena dell’arte cutting edge, o la brasiliana San Paolo, l’unica nel mondo – insieme alla sorella italiana – ad avere i Padiglioni nazionali? Al nostro sondaggio non sfuggono l’itinerante Manifesta, che ogni due anni visita un luogo diverso, né l’emergente Istanbul, nè ancora l’americana del Whitney di New York, che deve la sua fama (anche) al Museo di cui porta il nome.
Decidete voi qual è la vostra favorita e… partecipate. Chiude nel frattempo il sondaggio dedicato al contributo al mondo della cultura a un anno dall’Expo 2015. I lettori di Artribune hanno decretato: sarà un contributo negativo: milioni di persone arriveranno in un’Italia culturalmente a pezzi (39% dei votanti). il 26% è ottimista e vede un contributo positivo nel connubio cibo e creatività. Il 19% pensa che i risultati positivi arriveranno solo per la città di Milano, mentre il 16% è pessimista: sarà nullo, probabilmente si parlerà solo di alimentazione…

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • pinoBarillà

    N. favorita!

    Da decenni sembra che le opere d’arte e gli eventi creati nelle biennali si dirigono indietro nel tempo.