La Cultura non è un’isola. Presentazione del rapporto annuale sulla filiera culturale in Piemonte. Coinvolti anche l’ISTAT e l’IRES, per una prospettiva in ambito nazionale e socio economico

Dopo le ricerche condotte da Fondazione Symbola, Unioncamere e Federculture, si torna a parlare di filiera culturale. Questa volta il rapporto proviene dall’area piemontese, ma fornirà spunti validi ben oltre i confini regionali. Si tratta, infatti, della Relazione Annuale 2011-2012. La cultura in Piemonte che delinea e analizza i tratti salienti del settore culturale a […]

Maurizio Braccialarghe

Dopo le ricerche condotte da Fondazione Symbola, Unioncamere e Federculture, si torna a parlare di filiera culturale. Questa volta il rapporto proviene dall’area piemontese, ma fornirà spunti validi ben oltre i confini regionali. Si tratta, infatti, della Relazione Annuale 2011-2012. La cultura in Piemonte che delinea e analizza i tratti salienti del settore culturale a livello regionale ed è stilata annualmente dall’Osservatorio Culturale del Piemonte, una partnership pubblico-privata, nata dall’accordo tra istituzioni e amministrazioni locali, fondazioni di origine bancaria, associazioni di categoria, enti pubblici non economici, istituti di ricerca pubblici e privati, fondata nel 1998.
Quest’anno la presentazione dei dati sui consumi, produzione e risorse in ambito culturale sarà particolarmente interessante, sia per le analisi e le raccomandazioni dell’Osservatorio per il rilancio della cultura, sia perché sono stati coinvolti attivamente l’ISTAT e l’IRES Piemonte per contestualizzare i dati sulla cultura in Piemonte entro quadri più ampi: quello nazionale e quello socio economico. Per cambiare registro e dare evidenza allo sguardo più aperto che la cultura deve assumere per uscire dall’empasse, la relazione dell’Osservatorio uscirà dalle sedi istituzionali e la presentazione avrà luogo venerdì 5 luglio dalle ore 9,30 a TOOLBOX Coworking, spazio di collaborazione, dove creatività e impresa si incontrano. La mattinata sarà ricca di spunti per leggere le criticità del presente e per guardare al futuro. Il direttore dell’IRES Marcello La Rosa e il direttore dell’Osservatorio Culturale Luca Dal Pozzolo tratteggeranno il quadro della cultura in regione, anche in riferimento al contesto nazionale – delineato dall’ISTAT – Istituto Nazionale di Statistica – e al contesto socio-economico del Piemonte – attraverso la fotografia della società piemontese scattata di recente dall’IRES Piemonte nel Rapporto Economico Sociale.
Sarà, inoltre, l’occasione per presentare alcuni elementi che descrivono il rapporto dei piemontesi con la cultura, in relazione all’importanza e al ruolo che le attribuiscono. In rappresentanza dei Soci dell’Osservatorio, interverranno a commentare alcune delle proposte avanzate dall’OCP: l’Assessore Michele Coppola della Regione Piemonte, l’Assessore Maurizio Braccialarghe della Città di Torino, il segretario generale della Camera di Commercio di Torino Guido Bolatto, i rappresentanti di  Compagnia di San Paolo, di Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, della Provincia di Torino e dell’ AGIS Piemonte e Valle d’Aosta.

– Claudia Giraud

www.ocp.piemonte.it