Come premio, vi facciamo lavorare. Questo il semplice ma rivoluzionario plot del concorso teatrale In-Box: in palio repliche in tutta Italia

L’edizione 2012 l’hanno vinta Carullo-Minasi con Due passi sono, spettacolo che già si era aggiudicato il prestigioso Premio Scenario per Ustica 2011. Segnalati, l’anno scorso: Porco Mondo (Biancofango), Aldo Morto / tragedia (Daniele Timpano) e Esercizi di rianimazione (Andrea Cosentino). Bastano questi pochi nomi a testimoniare la vitalità e la qualità, dell’ormai consolidato (è arrivato […]

L’edizione 2012 l’hanno vinta Carullo-Minasi con Due passi sono, spettacolo che già si era aggiudicato il prestigioso Premio Scenario per Ustica 2011. Segnalati, l’anno scorso: Porco Mondo (Biancofango), Aldo Morto / tragedia (Daniele Timpano) e Esercizi di rianimazione (Andrea Cosentino). Bastano questi pochi nomi a testimoniare la vitalità e la qualità, dell’ormai consolidato (è arrivato alla quinta edizione) “contenitore” In-Box, concorso teatrale che nasce in Toscana e mette in palio repliche in tutta Italia, oltre che motore di ricerca per lo spettacolo dal vivo. Quest’anno saranno due le compagnie che, inserendo la loro proposta su www.inboxproject.it entro il 15 aprile, avranno la possibilità di far girare i loro spettacoli all’interno delle programmazioni dei partner della rete.
Ventidue le repliche in palio, a cachet di mille euro ciascuna: sedici per il primo spettacolo selezionato e sei per il secondo. Un passo avanti significativo, che raddoppia l’offerta del 2012, in virtù delle numerose realtà che hanno sposato il progetto mettendo a disposizione spazi, visibilità e competenze: oltre al capofila Straligut Teatro, tra gli altri Armunia/Festival Inequilibro di Castiglioncello, Kilowatt Festival di Sansepolcro, Santarcangelo • 12 • 13 • 14 Festival internazionale del teatro in piazza, Sienafestival, Teatri di vetro festival di Roma, Teatro degli Atti di Rimini, Fondazione Toscana Spettacolo, Associazione Marchigiana Attività Teatrali e Teatro Pubblico Pugliese.
In-Box intende valorizzare spettacoli già prodotti, allo scopo di “dare spazio al repertorio, distogliendo l’attenzione dalla ricerca spasmodica di inediti e debutti, e così fornendo alle compagnie lo spazio fisico e mentale per far respirare il proprio lavoro, farlo crescere, metterne alla prova senso e solidità”. I destinatari ideali del bando rimangono le compagnie teatrali emergenti: non solo giovani generazioni, ma anche realtà con più esperienza che non hanno ancora ottenuto la visibilità meritata e per questo motivo sono in “stato di emergenza”.
Novità del 2013 saranno le repliche opzionali: i partner potranno offrire alle compagnie vincitrici ulteriori repliche a condizioni contrattuali anche differenti da quelle standard. Un modo per arricchire ulteriormente l’offerta di In-Box, tutelando comunque le esigenze delle compagnie che decideranno se accettare o meno la proposta. Altra innovazione del 2013 è In-Box ARCHIVIO: un database teatrale on-line gratuito, una piattaforma web in costante aggiornamento, occasione di visibilità e lavoro per artisti e compagnie, consultazione e ricerca per operatori, sistema di monitoraggio dell’esistente per le istituzioni, facilitazione dell’incontro fra domanda e offerta. Siate curiosi, e fatevi avanti!

– Michele Pascarella

www.inboxproject.it