Sguardo a Oriente per 2501. L’artista milanese inaugura a Bologna Elastico Studio, con un progetto tutto nuovo. Dalla street art al buddismo tibetano, tra pittura e spiritualità

Lo definiscono un “azzardo ragionato”, una sfida che arriva un po’ per esigenza, un po’ per la voglia di mettersi alla prova. Elastico, galleria bolognese con sede in vicolo de’ Facchini, inaugura il 2013 regalandosi un bis: uno spazio nuovo, chiamato Elastico Studio, in via Porta Nova 12. L’opening è affidato a 2501, nome d’arte […]

2501, Vajrapani

Lo definiscono un “azzardo ragionato”, una sfida che arriva un po’ per esigenza, un po’ per la voglia di mettersi alla prova. Elastico, galleria bolognese con sede in vicolo de’ Facchini, inaugura il 2013 regalandosi un bis: uno spazio nuovo, chiamato Elastico Studio, in via Porta Nova 12. L’opening è affidato a 2501, nome d’arte dietro cui si cela Jacopo Ceccarelli, milanese, classe ’81, un background importante legato alla street art, un’abilità tecnica notevolissima e un percorso creativo in piena ascesa.
Atmosfere meditative e ispirazioni orientali per questa mostra progettata ad hoc, dal titolo Vajrapani, nome delle tre divinità protettrici del Buddha: 2501 attinge a piene mani dall’iconografia buddista, rielaborandola nel rito della pittura, intesa come scansione ritmica e miracolosamente fisica del tempo interiore.

2501

L’immaginario spirituale di riferimento, che guida il gesto e orienta la scrittura cromatica, lascia emergere un universo fortemente simbolico, per un’esperienza visiva che insegue il fluire lento, costante, della meditazione.
Jacopo, trasferitosi a 20 anni in Brasile, dove ebbe modo di confrontarsi con la scuola del graffitismo sudamericano, ha preso parte a importanti street show internazionali, vincendo nel 2009 il “Metropolis Art Price” di New York con il video Mask, poi proiettato a Time Square. Oggi, a Bologna, un nuova tappa della sua ricerca, fra pratica pittorica – l’amore di tutta una vita – ed esplorazione mentale.

– Helga Marsala

2501, “Vajrapani”
18 gennaio 2013, ore 18
fino al 9 febbraio 2013
Elastico Studio, Bologna
www.elastico.org

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.