Il Bignami di Vitruvio. Da Fuksas a Koolhaas, a 5+1 AA, al Maxxi sfila il top dell’architettura mondiale. In dimensioni tascabili…

Dal Foro Italico di Enrico Del Debbio alla Nuvola di Massimiliano Fuksas, dal Palazzetto dello Sport e lo stadio Flaminio di Pier Luigi Nervi al Maxxi di Zaha Hadid, dagli inediti di Maurizio Sacripanti alla nuova Agenzia Spaziale di 5+1 AA. E poi i modelli dei progetti finalisti del concorso per il Maxxi, di Rem Koolhaas, Jean Nouvel, Vittorio Gregotti, Steven Holl, Eduardo Souto De […]

Toyo Ito, Parco Grin Grin a Island City, Fukuoka, 2005, collezione MAXXI Architettura, Fondazione MAXXI Roma

Dal Foro Italico di Enrico Del Debbio alla Nuvola di Massimiliano Fuksas, dal Palazzetto dello Sport e lo stadio Flaminio di Pier Luigi Nervi al Maxxi di Zaha Hadid, dagli inediti di Maurizio Sacripanti alla nuova Agenzia Spaziale di 5+1 AA. E poi i modelli dei progetti finalisti del concorso per il Maxxi, di Rem Koolhaas, Jean Nouvel, Vittorio Gregotti, Steven Holl, Eduardo Souto De Moura, Kazuyo Sejima.
Tutto questo, da vedere concentrato in una sola mostra, proprio al Maxxi. Ma non pensate a esposizioni mastodontiche, visto anche l’oggetto dell’esposizione: da vedere ci sono un’ottantina di modelli di 60  autori dalla collezione permanente del museo, realizzati in legno, ceramica, gesso, metallo, materiali plastici . Un viaggio  nell’architettura in Italia dal ‘900 ad oggi: si inaugura domani 18 luglio, dura fino ad aprile 2013, per cui avete tutto il tempo di mettervela in calendario. Intanto Artribune ve ne da un assaggio fotografico…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.