E dopo le parole, le immagini: ecco chiccera al megaparty di inaugurazione della Lisson Gallery a Milano

Siamo stati fra i primi a dare notizia della futura apertura, siamo stati fra i primi a parlarne approfonditamente, vi abbiamo regalato addirittura – nei giorni scorsi – un’intervista con la direttrice Annette Hofmann. Ora che possiamo fare di più? Possiamo portarvici dentro, per completare l’informazione. Parliamo della sede meneghina della galleria Lisson, il gigante […]

Siamo stati fra i primi a dare notizia della futura apertura, siamo stati fra i primi a parlarne approfonditamente, vi abbiamo regalato addirittura – nei giorni scorsi – un’intervista con la direttrice Annette Hofmann. Ora che possiamo fare di più? Possiamo portarvici dentro, per completare l’informazione.
Parliamo della sede meneghina della galleria Lisson, il gigante londinese la cui inaugurazione resterà come uno degli eventi clou di una stagione autunnale non ancora iniziata, ma che già ha richiamato il fior fiore della mondanità e dell’artworld presenzialista. Per i dettagli su galleria e mostra inaugurale vi rimandiamo al link del nostro primo piano.
Possiamo portarvici dentro, dicevamo: non fisicamente, anche perché l’evento è già passato ed era di quelli con invito più ricercato di un jackpot al superenalotto. Ma vi ci portiamo con la consueta – più ampia che mai, stavolta – fotogallery, con gli scatti di Daniele Venturelli. Chiccera? Lo chiediamo a voi: chi riconoscete? Forza, ricomponiamo insieme il puzzle.

Lisson Gallery Milano. Ci siamo

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Daniele Venturelli

    Chiccera??
    Una trentina di Daniele Venturelli, pare…

  • antonio blu

    raga ma di che cavolo state parlando: MA VI RENDETE CONTO CHE LO SPAZIO SARà SI E NO 80 MQ???? MA NON VI SENTITE UN PO RUSPANTI QUANDO FATE ARTICOLI DEL GENERE???

    Cioè ma è un’operazione fatta piu per comprare che per vendere, cosi si porta a casa fontana, manzoni, pascali e burri e li porta a costare come donald judd… giusto la milano very-percorc poteva seguire cose del genere!!!

    e voi: DIETRO COME UN TRENO.

    con party nel giardino prestato… ma che cavo di osanna è questo!!!

  • Chissà forse porterà una ventata di arte fresca o al limite i soliti artisti stranieri che fa tanto cosmopolita e agli italiana piace tanto sentirsi così “stranieri” …

  • “eventi clou…fior fiore della mondanità e dell’artworld …con invito più ricercato…Chiccera?” ODDIO. Sinceramente oscillo tra sdegno ed imbarazzo. Sveglia ragazzi! E scusatemi se scrivo questo, ma non se ne può più…Con stima.
    B.S.