Artribune, così piccina e già fonte per i quotidiani. La fantomatica Biennale di Roma finisce sul Riformista

  Manco siamo nati (ehi, in effetti sarebbe il caso di spicciarsi a registrare questa testata al Tribunale!) e già la stampa quotidiana ci segue con attenzione. Meglio ancora se lo fa con la correttezza e la professionalità della brava Roberta Lombardi, del Riformista, che ieri è rimasta un pelino colpita dalla nostra inchiesta sulla […]

Il logo della Biennale di Scultura di Roma

 

Manco siamo nati (ehi, in effetti sarebbe il caso di spicciarsi a registrare questa testata al Tribunale!) e già la stampa quotidiana ci segue con attenzione. Meglio ancora se lo fa con la correttezza e la professionalità della brava Roberta Lombardi, del Riformista, che ieri è rimasta un pelino colpita dalla nostra inchiesta sulla fantomatica (proprio fantomatica!) Biennale di Scultura di Roma ed ha deciso di approfondire costruendo un pezzo (divoratevelo nel pdf allegato) nel quale prende sì l’avvio dalle anticipazioni di Artribune, ma dove decide di andare oltre.
Provando a sentire l’assessore Dino Gasperini (senza grandi risultati) e arrivando a contattare la galleria Ca’ D’Oro che risulterebbe organizzatrice del bizzarro evento di cui abbiamo parlato ieri, qui ottenendo invece risultati eccome: prima una ammissione (“si, la Biennale la stiamo organizzando noi“) e poi, in una telefonata, un diniego (“La Biennale? Non sappiamo di che si parli“). Diniego un po’ sospetto visto che la Lombardi nel frattempo aveva scovato il sito della Biennale (www.biennalescultura.it) dove si scorge già la nascita di una nuova associazione culturale strumentale all’organizzazione, associazione con sede nello stesso stabile della Galleria Ca’ D’Oro…

SCARICA IL PDF

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • LAsarte

    Mi congratulo per il vostro primo vero grande sguup. Auspico il primo di una lunga serie