L’attore Simone Liberati interpreta Zero, il protagonista, personaggio liberamente ispirato all’autore: un disegnatore disoccupato che si arrangia facendo lavori temporanei e vive nel quartiere romano di Rebibbia, una periferia dai toni surreali dove “manca tutto ma non serve niente”. Al suo fianco, l’amico storico Secco, interpretato da Pietro Castellitto, e la madre, che ha il volto di Laura Morante. Immancabile, la presenza dell’ormai mitico Armadillo, un animale che accoglie Zero ogni sera a casa e dialoga con lui su gli argomenti più svariati, impersonando la voce della sua coscienza.
Arriva a interrompere la routine la morte di Camille, ex compagna di scuola e amore non confessato del protagonista, una notizia che scuote Zero e lo costringe a fare i conti con la propria emotività, ma anche con i problemi di comunicazione di un’intera generazione, quella “dei tagliati fuori”.

iscrizione_newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.