La neve finalmente si è sciolta e Berlino sotto il sole sembra più accogliente. La domenica mattina è iniziata col fuori concorso di Bill Condon, Mr. Holmes: una nuova versione di Sherlock Holmes, interpretato da Ian McKellanLaura Linney nei panni della governante, la signora Munro. Il regista qui sceglie una chiave classica, lasciandosi alle spalle, per esempio, lo Sherlock interpretato da Cumberbatch, ma decide di raccontare l’investigatore ormai vecchissimo, costretto ad affrontare i limiti della sua età.

Il vero colpo di scena, quello che serviva a un festival così poco coinvolgente, è arrivato in tarda mattinata, quando per entrare alla proiezione di Terrence Malick molti hanno accettato di vedere il film in piedi. Il regista, fedele al suo metodo non narrativo, con Knight of Cups accompagna lo spettatore in un viaggio al limite tra l’estatico e l’allucinatorio, dove regna il caos e gli elementi sovrastano gli individui. Per Malick è sempre una sinfonia cosmica: ogni individuo viene straniato dal contesto e naviga in un mare di solitudine, impossibile da colmare. Ogni tentativo di salvezza si rivela inefficace e passa, come la sabbia tra le dita, senza permettere di decifrare cosa stia realmente accadendo.
Durante la conferenza scene comiche: alcuni giornalisti continuano a interpellare il regista, assente (Malick non si lascia intervistare dal 1973 e ovviamente non si è presentato), mentre Christian Bale risponde con domande alle domande, Natalie Portman non nasconde l’imbarazzo e le risate isteriche scrosciano a intermittenza, tra un intervento e l’altro.

Federica Polidoro

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.