In pochi mesi ha totalizzato quasi nove milioni di visite. Guadagnandosi, su decine di blog e magazine, il titolo di miglior film di graffiti degli ultimi tempi. Appena cinque minuti per documentare, sintetizzare e condividere un’impresa titanica.
Ci sono volute ottanta ore continue di riprese, settemila still, quaranta ore di rendering e uno staff di lavoro con una scaletta di produzione rigorosissima: così, la film maker Selina Miles ha sfornato questo video time-lapse, dedicato alla strepitosa performance di Sofles, Fintan Magee, Treas e Quench, quattro noti street artist australiani.

La location del folle happening è un enorme magazzino abbandonato a Brisbane, nel Queensland, in Australia; le armi sono migliaia di bombolette spray e un talento pittorico incontenibile. Guerra di colori senza esclusione di colpi, fra dripping, mega tag, murales iperrealisti, scritte, volti, corpi, teschi, fumetti, a riempire ogni superficie possibile: dagli spessi muri fino alle saracinesche, segnando l’intero perimetro del capannone industriale. E poi, daccapo, ricoprire tutto, con un nuovo, unico, monumentale wall painting.
Energia ironica e accelerata, al ritmo incalzante della techno di DJ Butcher. Giungendo, stremati, alla fine di un’avventura “senza limiti”.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.