Oggi digressione dalla competizione per dedicarci ad una interessante sezione collaterale: il Culinary Cinema, uno spazio interamente dedicato al rapporto tra cibo e cinema. La finestra è articolata sul binomio tra un film e un famoso chef internazionale, che deve interpretare la pellicola con una cena a tema. Sold out per tutti gli eventi in calendario già una settimana prima dell’inizio della kermesse. Ospiti di punta dell’edizione in corso sono i fratelli Roca, il cui ristorante Cellar di Girona è stato dichiarato il migliore del 2013. Le altre presenze includono Daniel Achille, dichiarato chef dell’anno 2014, Matthias Diether, del First Floor del Palace Hotel, Michael Kempf, del Facil al Mandala Hotel e Tim Raue, doppiostellato Michelin.

Culinary Cinema ogni anno cambia titolo. Stavolta è “We Like It Hot… But Don’t Let It Burn” e a dare l’inizio alle danze è stato il film asiatico Final Recipe di Gina Kim, storia di un giovane che contro la volontà dei genitori decide di rilanciare il ristorante di famiglia. Ma in questo spazio troviamo anche due italiani: Walter Bencini con I cavalieri della laguna e Raffaele Andreassi con il film restaurato dalla cineteca di Bologna I Maccheroni.
E’ sempre il Culinary Cinema a curare lo Street Food durante i giorni del festival in collaborazione con il Mercato Nove di Kreuzberg, che ha allestito nel vicoletto Eichendorff una fila di suggestivi camioncini con tutte squisitezze di origine organica.

Federica Polidoro

www.berlinale.de