Parte domani il weekend caldo del Quirinale: al via le votazioni per il Presidente della Repubblica, figura a cui resta appesa la speranza di una risoluzione dell’impasse politico attuale. E mentre l’Italia assiste impotente allo stallo, stritolata dalla crisi e impossibilitata a gestire la non maggioranza uscita dalle urne, il toto-presidente impazza, con una giostra di nomi – a dir poco inedita – susseguitasi in questi giorni tra giornali, web e tv: da Milena Gabanelli a Gianni Letta, da Romano Prodi a Stefano Rodotà, da Silvio Berlusconi a Franco Marini (ad oggi il più papabile, punto di convergenza tra Pd e Pdl). E poi c’è lei, Emma Bonino, lady di ferro del Partito Radicale, quella che in molti vorrebbero come prima donna seduta sulla più illustre poltrona del Paese. Ampiamente sostenuta dal popolo dei social network, la Bonino – che ormai parrebbe essere, però, fuori gioco – è risultata la candidata più citata ed apprezzata su Twitter, con il 37,9% di cinguettii in suo favore.

Ma l’endorsement per la Bonino è arrivato, in blocco, dal mondo del cinema e del teatro. Con un gruppo di attori cimentatisi in un piccolo film a sostegno della sua candidatura: Gigio Alberti, Urbano Barberini, Alessio Boni, Paolo Calabresi, Valeria Cavalli, Chiara Conti, Carmen Giardina, Alessandro Haber, Lucrezia Lante della Rovere, Licia Maglietta, Alberto Molinari, Ignazio Oliva, Rocco Papaleo, Paco Reconti, Claudio Santamaria, Pietro Sermonti, Valeria Solarino, Raffaele Vannoli, Franca Valeri… Una squadra d’eccellenza, compatta dietro un solo slogan: Emma Bonino Presidente. Perchè? “Possiamo rompere i vecchi schemi tradizionali della cattiva politica“, dice Sermonti,”per riaffermare competenza e rettitudine e allora rompiamoli”. Onesta, serietà, rigore morale, laicità, spirito riformista, superamento di vecchie categorie. Questo è, per tanti, Emma Bonino. Il miglior Presidente possibile, per il cinema italiano…

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • David

    Chi è la prima nel video?

  • calos

    sììì…quella che appoggiava Bush nella guerra in Irak !!!!!!!!

    • Maria Cristina Casanova

      No, non è quella! Sei in malafede o hai avuto notizie false?

      Sei al corrente della posizione dei Radicali sulla Guerra di Bush Blair e Berlusconi contro l’ Iraq di Saddam? Informati!

  • Angelov

    Da trombata come Sindaco di Roma a Presidente della Repubblica, il passo è breve…se vivi a Roma però; sarebbe come dare una Ferrari F.1 in mano a qualcuno che non ha superato l’esame di guida per la B.
    Anche qui l’Irrazionale Mediterraneo ha luogo di esprimersi al meglio.
    Ma poiché il video è così accattivante, nonostante tutto…ma si, mi voglio rovinare: Emma for President!

  • Maria Cristina Casanova

    sarebbe la persona perfetta in questo momento per il bene dell’Italia. Io la voterei cinquanta milioni di volte se dipendesse de me…
    Vorrei tanto che potessimo meritarcela, o almeno che ci venisse fatta la GRAZIA di averla, anche se non la meritiamo….