Il Padiglione Italia di Vittorio Sgarbi? Non una maialata, ma una genialata. Roberto D’Agostino arriva a Venezia prevenuto, come tutti, ma di fronte alla babele del “vecchio Sgarbone” viene colto da un inspiegabile turbamento. Che dietro a questo folle karaoke di autori vari, o meglio “avariati”, ci sia una sana provocazione? Che nel caotico “padiglione-manicomio” ci sia l’intelligente riflesso di un’Italia che vive sulla raccomandazione, sul qualunquismo e sull’approssimazione? Un’Italia in cui “nulla si esclude e tutto si aggiunge”…
D’Agostino, scovato in mezzo al pubblico di un opening veneziano, ai microfoni di Artribune Television

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.