Onde di rarefazione

Torna a Roma Elger Esser, allievo di Bernd e Hilla Becher e maestro della rarefazione in fotografia. Eppure le prime opere che si incontrano non sembrano affatto immagini fotografiche. A Roma, negli spazi della Galleria Alessandra Bonomo, fino al 10 settembre.

Elger Esser, Undine XIX. 2012. Ultrachrome print. 35x42 cm. Unique copy. Courtesy Galleria Alessandra Bonomo

Appena entrati, ci si imbatte subito in un’ambiguità. Elger Esser (Stoccarda, 1967; vive a Düsseldorf) è noto per le sue opere fotografiche, ma i grandi pannelli che aprono l’esposizione sembrano alludere ad altre forme d’arte. Al loro cospetto si viene improvvisamente ridotti alla stregua di corpuscoli dispersi in un labirintico retino tipografico o in una scomposizione divisionista. Solo in seguito ci si può perdere tra le sue infinite, immobili fotografie senza tempo.

La poetica di Esser si manifesta proprio in questo condurre l’osservatore facendolo ondeggiare, privo di riferimenti, tenendolo sospeso in una sfera rarefatta tra le dimensioni del tempo e dello spazio. Dalla serialità e dal rigore dalle masse dei Becher si è da tempo distaccato per sconfinare in prospettive indefinite, dove il paesaggio si riduce a poco più di una labile linea.

Alessandro Iazeolla


Roma //
fino al 10 settembre 2012
Elger Esser – Undine
GALLERIA ALESSANDRA BONOMO
Via del Gesù 62
06 69925858
[email protected]
www.bonomogallery.com

 

CONDIVIDI
Alessandro Iazeolla
Alessandro Iazeolla (Roma, 1960), Architetto iscritto all’Ordine professionale dal 1988. Ha conseguito i diplomi di maturità classica e di maturità artistica. Attualmente è quadro direttivo di una società a controllo pubblico. Ha operato dagli Anni Ottanta nel campo della ricerca storico-archeologica e della documentazione d’arte con numerose pubblicazioni su libri e periodici specializzati. Si occupa di fotografia sperimentale e di storia della fotografia e ha tenuto corsi specialistici in istituti superiori. Collabora con la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Roma La Sapienza per seminari di studio sul rapporto tra percezione visiva e produzione artistica. È iscritto al Ruolo dei Periti e degli Esperti in Fotografia d'Arte presso la C.C.I.A.A. di Roma. È vicepresidente di un'associazione per la promozione dell'arte con sede a Roma.