Anche per Spider-Man arriva la mezza età

Attenti ai ragni radioattivi, quante volte dobbiamo dirlo? Il rischio è quello di diventare un eroe famoso ma pieno di superproblemi. Anche se tutti, forse, vorrebbero salvare il mondo con una ragnatela.

Luca Bertuzzi in posa da Spider-Man

Milano sta per finire intrappolata in una grossa ragnatela. Così fa sospettare il manifesto della nuova mostra di WOW Spazio Fumetto: l’Uomo Ragno tesse in volo le sue tele, lasciandosi alle spalle Duomo e Pirellone. Nonostante i suoi cinquant’anni – per festeggiare i quali si lancia questa mostra – difficile immaginarlo con l’artrite.
L’esposizione, curata da Riccardo Mazzoni e Luca Bertuzzi, che spiega in anteprima per Artribune i dettagli (e posa per noi da supereroe nella ricostruzione all’ingresso), si adegua alla passione dei seguaci incalliti ma offre anche un percorso formativo che aiuta a conoscere Spider-Man da zero. Dopo una sezione introduttiva che fa entrare nel suo mondo, attraverso una cartonata, amazing New York, il resto dello spazio cadenza la storia e le storie dell’eroe Marvel un decennio dopo l’altro.

Si parte con gli Anni Sessanta, dalla nascita del personaggio ideato da Stan Lee e disegnato per la prima volta da Steve Ditko, fino ad arrivare agli Anni Zero, dove si mostrano in anteprima alcune immagini di The Amazing Spider-Man, film di prossima uscita nei cinema, e spezzoni video della serie Ultimate Spider-Man, a breve in onda su Disney XD. A scandire le generazioni ci sono grandi stampe recanti copertine storiche, insieme a bacheche ricche di gadget e pezzi da collezione, come il numero 15 di Amazing Fantasy (1962), dove l’Uomo Ragno compare per la prima volta.
Parallelamente, una parete di pannelli ospita le tavole originali di autori storici che hanno tratteggiato l’eroe mascherato, tra cui anche alcuni italiani negli anni più recenti.
Nel complesso, WOW introduce in un viaggio divulgativo che, oltre al fumetto, passa anche da serie tv, videogame e film, come quello annunciato e mai realizzato del 1986.

Spider-Man. Il mito dell’Uomo Ragno - veduta della mostra presso WOW Spazio Fumetto, Milano 2012

Il libro-catalogo, arricchito da testimonianze di autori come Marco Marcello Lupoi e Sergio Cavallerin, è un ulteriore approfondimento sull’universo dell’aracnide: i suoi nemici, i crossover dove incontra altri supereroi, come Secret Wars (1984), scontri all’interno della Marvel, tappe cruciali e vita privata. La forza dell’Uomo Ragno, infatti, è soprattutto Peter Parker, il timido ragazzo che si nasconde dietro la maschera integrale.
Quel che distingue Spider-Man dagli altri supereroi è proprio la capacità di suscitare immedesimazione da parte dei lettori: l’adolescente vive in modo conflittuale l’identità che acquisisce suo malgrado e agisce spinto anche dal senso di colpa, dopo aver lasciato fuggire un criminale responsabile della morte dello zio Ben.

Lucia Grassiccia

Milano // fino al 29 luglio 2012
Spider-Man, Il mito dell’Uomo Ragno
WOW SPAZIO FUMETTO
Viale Campania 12
02 49524744
[email protected]
www.museowow.it

 

CONDIVIDI
Lucia Grassiccia
Lucia Grassiccia è nata a Modica (RG) nel 1986. Dopo una formazione tecnico-linguistica ha studiato presso l’Accademia di belle arti di Catania, dove ha contribuito a fondare e dirigere un webzine sperimentale (www.hzine.it) gestito da un gruppo di allievi dell’accademia. Per hzine ha svolto principalmente attività di giornalista, titolista, editing. Dal 2008 scrive saltuariamente per il quotidiano web locale Nuovascicli Ondaiblea, soprattutto recensioni su libri e mostre. Nel 2010 inizia la collaborazione con Exibart che a breve si sospende e prosegue con la redazione di Artribune. Cura saltuariamente i testi critici per alcune associazioni e gallerie (vedi The White Gallery, Milano). Nel 2013 pubblica il romanzo ebook Elevator (Prospero Editore) e inizia a collaborare occasionalmente con la rivista Look Lateral. Nello stesso anno completa gli studi in arteterapia clinica presso la scuola Lyceum Vitt3. Attualmente vive a Milano.