Da Printville a Fruit. L’editoria nel weekend fieristico di Bologna

Un’isola che raccoglie una piccola libreria specializzata dentro Arte Fiera. E poi la fiera specializzata che si svolge per il quinto anno a Palazzo Re Enzo

Bologna, Fruit 2017 (foto Irene Fanizza)
Bologna, Fruit 2017 (foto Irene Fanizza)

Fra le novità ad Arte Fiera, una coinvolge direttamente l’editoria: al centro dell’area dedicata, infatti, è nata Printville, un’isola che raccoglie una piccola libreria specializzata. Soprattutto saggistica italiana, ma anche una buona selezione internazionale di riviste non rappresentate da singoli stand. Utile e sensato per il pubblico della main fair. Tutt’altro discorso invece per Fruit Exhibition, la fiera specializzata che si svolge per il quinto anno a Palazzo Re Enzo. Un centinaio di microeditori (un 20% le presenze straniere), con un focus sull’arte ma aperto a mille diramazioni, in un profluvio di esercizi di cartotecnica.

fruit

E poi la nuova sezione dedicata al game design, con tanto di workshop dedicati: “Il videogioco non è più soltanto un intrattenimento per teenager ma una forma d’arte, con produzioni indipendenti di tutto rispetto”, spiega Christian Battiferro, uno degli organizzatori della fiera. Quanto ai modelli a cui guardare, continua Battiferro, “all’inizio è stata la London Art Book Fair, ma oggi Fruit è un ponte traversale fra discipline e supporti – non solo libri, insomma – che, a quanto ne so, è inedito”. Ecco una galleria di immagini…

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.