La Galleria Nazionale di Roma? Al pubblico piace. Visitatori raddoppiati con il nuovo allestimento

La rivoluzione di Cristiana Collu incassa il placet dei visitatori. Nell’ultimo trimestre, quello dell’apertura di Time is Out of Joint, passano da 28.532 del 2015 ai quasi 55mila del 2016

Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna. Allestimento della mostra Time is out of joint. Foto Giorgio Benni
Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna. Allestimento della mostra Time is out of joint. Foto Giorgio Benni

Il museo non può rivolgersi a uno spettatore ideale, ma deve essere un luogo che parla a diverse tipologie di pubblico”. Nella giornata in cui le Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Roma, Palazzo Barberini e Galleria Corsini, presentano la nuova visione di rilancio strategico voluta dal direttore Flaminia Gennari Santori, c’è un altro dei direttori usciti dal “concorsone” franceschiniano che invece commenta i primi bilanci, del nuovo corso impresso al suo museo, ancora a Roma. Parliamo della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea e di Cristiana Collu – sono sue le parole qui sopra – : che risponde con i dati numerici alle tante critiche – positive ma anche negative, molte transitate proprio dalle pagine di Artribune – al suo approccio riformatore, formalmente tradotto in un sostanzioso riallestimento del museo con la mostra Time is Out of Joint.

137.697 VISITATORI, INCASSI 415MILA EURO

È stato un anno intenso, durante il quale abbiamo lavorato sulla collezione, sull’architettura e sui servizi al pubblico”, dice la Collu. “Time is Out of Joint ha aperto un nuovo capitolo della storia della Galleria e, attraverso una profonda rilettura delle collezioni, punta anche ad attivare le emozioni dei visitatori, un aspetto che rafforza il ruolo educativo del museo, perché proprio un’emozione può trasformarsi in un input capace di stimolare una ricerca personale”. E i visitatori sembrano aver gradito le novità: se è vero – come informa la nota – che la Galleria Nazionale ha chiuso il 2016 con 137.697 visitatori e incassi pari a circa 415mila euro, dati in linea con quelli del 2015. “Un risultato positivo se si pensa che durante l’anno, per sei mesi, la Galleria ha visto un’apertura parziale, con la maggior parte delle sale interessate dai lavori di riordino museografico e di riallestimento delle collezioni”. Con un ultimo trimestre – quello interessato dal riallestimento in questione – che ha visto un numero dei visitatori quasi raddoppiato, passato dai 28.532 del 2015 ai quasi 55mila del 2016.

Dati correlati
Spazio espositivoLA GALLERIA NAZIONALE
IndirizzoViale delle Belle Arti 131 — 00197 - Roma - Lazio
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.