Geografie interiori. Giuseppe Gonella a Milano

Galleria Giovanni Bonelli, Milano ‒ fino al 10 novembre 2017. I dipinti dell’autore, in mostra nella galleria milanese, conducono in una narrazione sospesa tra memoria personale e visioni.

Giuseppe Gonella. Chasing Lights. Exhibition view at Galleria Giovanni Bonelli, Milano 2017. Courtesy l’artista e Galleria Giovanni Bonelli. Photo Roberta Vagliani
Giuseppe Gonella. Chasing Lights. Exhibition view at Galleria Giovanni Bonelli, Milano 2017. Courtesy l’artista e Galleria Giovanni Bonelli. Photo Roberta Vagliani

A distanza di quattro dalla prima mostra personale, Giuseppe Gonella (Motta di Livenza, 1984) torna a esporre alla Galleria Giovanni Bonelli con Chasing Lights. I quadri dell’artista ‒da anni residente a Berlino ‒ portano lo spettatore in mondi immaginifici in continua mutazione dove realtà e sogno si fondono alludendo a futuri scenari distopici, forme di resilienza o passaggi lieti dell’esistenza. Se da un lato siamo di fronte a una pittura infarcita di memorie e aspirazioni personali, dall’altro Gonella non vuole porre una narrazione univoca e al contrario lascia che ognuno si immedesimi nel racconto. Un percorso pittorico che, come alluso nel titolo della mostra, è un inseguire la luce: nell’imponente lavoro Vivenze III (2017) sono impresse le atmosfere dell’aurora boreale vista durante un soggiorno in Islanda, ma quel ricordo non è altro che il pretesto per creare delle geografie interiori dove il viaggio attraverso un nuovo territorio rispecchia la voglia di rimettersi in gioco personalmente.

Carlo Sala

Evento correlato
Nome eventoGiuseppe Gonella - Chasing Lights
Vernissage21/09/2017 ore 19
Duratadal 21/09/2017 al 04/11/2017
AutoreGiuseppe Gonella
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA GIOVANNI BONELLI
IndirizzoVia Porro Lambertenghi 6 - Milano - Lombardia
CONDIVIDI
Carlo Sala
Carlo Sala (Treviso, 1984), critico d'arte, curatore e docente al Master in Photography dell'Università IUAV di Venezia. È membro del comitato curatoriale della Fondazione Francesco Fabbri Onlus per cui si occupa della curatela scientifica del Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee e del festival F4 / un’idea di Fotografia. Nel 2010 ha curato con Nico Stringa il Padiglione Venezia alla 12. Mostra internazionale di Architettura, People meet in architecture, Biennale di Venezia. Collabora come curatore indipendente con realtà museali e con gallerie private. Suoi saggi e testi critici sono apparsi in varie pubblicazioni edite, tra gli altri, da Allemandi, Marsilio, Mimesis, Bruno Mondandori e Skira.