Alla Fondazione Querini Stampalia di Venezia a confronto due capolavori di Bellini e Mantegna

La Fondazione veneziana ospiterà, dal prossimo 21 marzo, una mostra che metterà a confronto Giovanni Bellini e Andrea Mantegna attraverso due opere di eguale soggetto iconografico, La Presentazione di Gesù al Tempio, ma che mettono in luce le peculiarità tecniche ed estetiche dei due maestri rinascimentali

Non è solo un confronto tra due opere di uguale soggetto, ma un incontro tra due dei maggiori esponenti della pittura rinascimentale italiana, legati non soltanto da vicende artistiche, ma anche biografiche. Stiamo parlando di Giovanni Bellini (Venezia, 1433-1516) e Andrea Mantegna (Isola di Carturo, 1431 – Mantova, 1506), protagonisti dal prossimo 21 marzo alla Fondazione Querini Stampalia di Venezia di Capolavori a confronto. Bellini/Mantegna Presentazione di Gesù al Tempio. La mostra vedrà affiancate due opere raffiguranti la Presentazione di Gesù al Tempio, dipinte da entrambi gli artisti in anni diversi. È stata realizzata tra il 1453 e il 1460 l’opera di Mantegna, una composizione in cui i personaggi, dalla fisicità quasi monumentale, danno la percezione di essere sculture bidimensionali, una caratteristica propria dello stile del pittore. Tra i personaggi del dipinto, sembrerebbe essere presente anche lo stesso Mantegna, all’estrema destra, insieme alla moglie Nicolosia Bellini, sorella di Giovanni, all’estrema sinistra. È del 1460, invece, la Presentazione di Bellini conservata alla Fondazione Querini Stampalia, dall’impostazione e dal carattere meno “grave” e più umano rispetto a quella di Mantegna. Chi ha imitato o influenzato l’altro? Si è trattato di competizione o di studio reciproco? Nonostante la quasi identica iconografia, i due dipinti mettono in luce peculiarità tecniche ed estetiche proprie dei loro autori, tutte da ammirare.

– Desirée Maida

Evento correlato
Nome eventoBellini / Mantegna - Capolavori a confronto
Vernissage20/03/2018 ore 18
Duratadal 20/03/2018 al 01/07/2018
AutoriGiovanni Bellini , Andrea Mantegna
CuratoriGiovanni Carlo Federico Villa, Brigit Blass-Simmen, Neville Rowley
Generearte antica
Spazio espositivoFONDAZIONE QUERINI STAMPALIA
IndirizzoCampo Santa Maria Formosa 5252 - Venezia - Veneto
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Vive a Palermo, dove collabora con gallerie d’arte, scrive per testate d’arte contemporanea e lavora come storico dell’arte e curatore.
  • Angelov

    Ahhh, ogni tanto un po’ di ossigeno…