Anche le città muoiono. L’editoriale di Marco Enrico Giacomelli

Si avvia alla chiusura la mostra “Anche le statue muoiono”, diffusa a Torino fra Museo Egizio, Musei Reali e Fondazione Sandretto. Un’occasione per fare un bilancio sullo stato di salute della cultura in città.

Simon Wachsmuth, The Battle of Alexander, 2007. Installation view at Belvedere 21, Vienna 2015 © Belvedere, Vienna. Photo Johannes Stoll
Simon Wachsmuth, The Battle of Alexander, 2007. Installation view at Belvedere 21, Vienna 2015 © Belvedere, Vienna. Photo Johannes Stoll

Il secondo museo egizio al mondo, dopo quello del Cairo? Certo, il Museo Egizio di Torino è questo. O almeno dovrebbe essere. Il condizionale si deve non tanto a questa informazione, magari non è chiara a tutti, piuttosto al predominio di certa cronaca casareccia e pecoreccia. Così capita che non si sappia nulla del museo ma ci si ricordi la piazzata messa in scena da Giorgia Meloni a febbraio. Motivo del contendere? L’ingresso gratuito per le coppie arabe, nel quadro di una precisa e definita campagna di inclusione che è al suo secondo anno di sperimentazione, insieme a moltissime altre che coinvolgono le più diverse fasce di (potenziali) fruitori. Iniziativa “delirante” e “discriminatoria”. E giù una serie di critiche, tutte –tutte – errate. Non è facile sbagliare ogni dato, ogni riferimento, ogni attribuzione: ci vuole impegno. Dall’altra parte, Christian Greco, direttore del museo, letteralmente l’incarnazione di un’altra Italia: nei toni, nello stile, nella precisione riguardo ai dati, nella professionalità con cui smonta le accuse con la pazienza del maestro di scuola finito in una classe turbolenta.
Nulla di così eclatante ha visto protagonista un altro Cristian, stavolta senz’acca, di appena un anno più anziano di Greco (1974 contro 1975). Ma pure a Cristian Valsecchi non sarà sembrato vero quando ha visto cosa si stava combinando in Comune, fra tagli di budget e pasticci a non finire. E lui, da professionista serio e preparato, a gennaio ha scelto di dare forfait e rassegnare le dimissioni da Segretario Generale della Fondazione Torino Musei. D’altronde, poco più di un anno prima se n’era andata anche Patrizia Asproni.

Scenari futuri? Difficile fare previsioni, soprattutto con una vicina di casa in smagliante forma come Milano ad appena 40 minuti di treno”.

Cosa sta succedendo a Torino? Succede che un modello perfettibile, elaborato in un trentennio dal PD, è ritenuto dall’attuale amministrazione pentastellata… cosa? Non si capisce bene, e questo è il dato più inquietante. I fatti parlano chiaro: oltre a diverse dimissioni, ci sono i numeri a dire quanto sia in sofferenza la (cultura in) città. Nulla doveva cambiare? Certo che sì, ma cambiare non significa smontare i giocattoli senza poi avere la minima competenza, visione e cognizione nel saperli rimontare.
Scenari futuri? Difficile fare previsioni, soprattutto con una vicina di casa in smagliante forma come Milano ad appena 40 minuti di treno. Nulla di positivo all’orizzonte? In realtà sì. Ad esempio questa mostra, che vede un’inedita sinergia. Se qualcosa andava cambiato, era proprio questo: le alleanze erano ormai sempre e solo le stesse. Qui invece succede che una fondazione privata (FSRR) si unisca a un museo statale gestito dalle istituzioni pubbliche locali (Egizio) e a un polo museale (Musei Reali) dipendente dal Ministero.
La domanda è: quanto sostegno è stato fornito a questo progetto da parte della politica locale? E non parliamo meramente di denaro.

Marco Enrico Giacomelli

Articolo pubblicato su Grandi Mostre #10

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Evento correlato
Nome eventoAnche le statue muoiono
Vernissage08/03/2018
Duratadal 08/03/2018 al 29/05/2018
AutoriKader Attia, Mark Manders, Lamia Joreige, Simon Wachsmuth
CuratoreIrene Calderoni
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoFONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
IndirizzoVia Modane 16 - Torino - Piemonte
Evento correlato
Nome eventoAnche le statue muoiono
Vernissage08/03/2018 ore 19-23
Duratadal 08/03/2018 al 03/06/2018
Generiarcheologia, arte antica, arte contemporanea
Spazio espositivoMUSEI REALI
IndirizzoPiazzetta Reale 1 10122 - Torino - Piemonte
Evento correlato
Nome eventoAnche le statue muoiono
Vernissage08/03/2018 ore 19-23
Duratadal 08/03/2018 al 09/09/2018
Generearcheologia
Spazio espositivoMUSEO EGIZIO
IndirizzoVia Dell'accademia Delle Scienze 6 - Torino - Piemonte
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.