Al Muse di Trento scienziati, attori e chef protagonisti di una notte all’insegna della cultura

Al Museo delle Scienze di Trento un’intera notte scandita da talks, intrattenimento, approfondimento scientifico e degustazioni firmate dallo chef Alfio Ghezzi. Quando? il prossimo 9 dicembre. Ecco il programma della serata.

MUSE–Museo delle Scienze di Trento. Photo Matteo De Stefano ®Hufton+Crow
MUSE–Museo delle Scienze di Trento. Photo Matteo De Stefano ®Hufton+Crow

Attori, sportivi, comici, ricercatori, scienziati, chef, sacchi a pelo, degustazioni, talks. Sono gli inusuali ingredienti che animeranno Notte al Muse. Incontri del terzo tipo, l’evento che si svolgerà per l’intera notte del prossimo 9 dicembre presso il Museo delle Scienze di Trento. Un’iniziativa rivolta al pubblico adulto che coniuga divulgazione scientifica ed entertainment, un modo originale di esperire gli spazi museali che, per l’occasione, si trasformeranno in luoghi di incontro, condivisione e diletto.

UN MODO DIVERSO DI VIVERE IL MUSEO

Notte al Muse. Incontri del terzo tipo è un format che il Museo delle Scienze propone ispirandosi a esperienze analoghe offerte al pubblico da musei internazionali del calibro del Science Museum di Londra e dell’American Museum of Natural History di New York. A metà tra il glamour e la comunicazione scientifica informale, la serata del prossimo 9 dicembre – tassativamente rivolta al solo pubblico adulto – verterà intorno al tema Incontri del terzo tipo, una riflessione sull’importanza della socialità e della relazione per la formazione delle persone e della loro individualità.

UNA NOTTE ALL’INSEGNA DELL’ARTE, DELLA SCIENZA E DELLA FILOSOFIA

Scopo della serata sarà fare innescare, nei partecipanti, riflessioni sul “chi sono io?”, ragionando sugli elementi che influiscono nella costruzione della nostra personalità, con riposte che vadano oltre i “limiti” della genetica e dell’ereditarietà. L’ambiente, le esperienze vissute, le emozioni provate e le persone incontrate giocano un ruolo determinante in questo processo di crescita, e saranno proprio questi elementi a essere protagonisti della serata al Muse. Oltre a offrire l’opportunità di vivere gli spazi e gli allestimenti in orario non ordinario, pernottando per un’intera notte al suo interno, il museo propone inoltre di esperire momenti di commistione tra arte, scienza e filosofia.

IL PROGRAMMA DELLA SERATA

La lunga notte al Muse prevede una serie di incontri con professionisti del mondo dell’arte, dello sport e della scienza che racconteranno al pubblico l’esperienza o l’incontro che ha cambiato la loro vita. Tre i principali momenti di dialogo e riflessione, stimolati dagli ospiti presenti al museo: l’attrice e speaker radiofonica Roberta Lanfranchi, il comico Flavio Oreglio, il campione mondiale di vela Ruggero Tita, il ricercatore CNR Francesco Guatieri e il ricercatore e botanico del Muse Costantino Bonomi. In particolare, Roberta Lanfranchi svelerà quanto sia presente nel mondo della comunicazione mediatica il problema delle fake news, Flavio Oreglio, insieme a Costantino Bonomi affronterà in modo scanzonato ma scientificamente rigoroso il tema del “sesso nelle piante”, Ruggero Tita e Francesco Guatieri racconteranno come nella loro vita la passione ha potuto fare la differenza. Oltre a questi momenti di confronto, negli spazi delle sale opportunamente allestite si potranno effettuare particolari degustazioni a sorpresa: lo chef super premiato Alfio Ghezzi delizierà i visitatori con un aperitivo di benvenuto e una calda “buonanotte” dagli ingredienti inusuali, pensati appositamente per la serata. Si potranno infine visitare le collezioni del museo e scoprire i segreti dei reperti solitamente non esposti al pubblico e, tra un’attività e l’altra, si potrà dormire tra le sale del museo. Per partecipare, è necessario prenotare al numero 0461.270311 o sul sito www.muse.it.

– Desirée Maida

Muse
Corso del Lavoro e della Scienza, 3, 38122 Trento
www.muse.it

CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Vive a Palermo, dove collabora con gallerie d’arte, scrive per testate d’arte contemporanea e lavora come storico dell’arte e curatore.