F-Light illumina le notti fiorentine. Ecco la città come non l’avete mai vista

Il Ponte Vecchio di Firenze diventa una tela proteiforme, grazie alle luminescenze dello studio di video design Fake Factory. L'occasione? F-Light, Festival della Luce che si tiene in città dal 2011

Print pagePDF pageEmail page

Luminescenza è un’emissione di luce non derivante dal calore, quindi una radiazione fredda. Eppure lo spettacolo che la Fake Factory di Firenze ha pensato per la facciata del Ponte Vecchio, di freddo, ha ben poco. Pietra e mattoni diventano brillamenti solari e dettagli di opere d’arte riflessi nell’Arno. Un incantesimo che ammalia gli occhi e infiamma gli spiriti. Le proiezioni luminose rivelano la storia della creatività dell’uomo, dal primo segno grafico lasciato dall’Homo sapiens nelle grotte fino alla Magna Grecia, all’impero Romano, agli Etruschi e poi ancora il genio di Leonardo Da Vinci, Michelangelo, Pontormo, passando per Sironi, Balla, l’Opificio delle Pietre Dure, Morandi, Fontana fino all’arte contemporanea. Lo spettacolo è stato promosso dal Comune all’interno di una manifestazione che si ripete dal 2011 e che si chiama F-Light, dove la F sta per Firenze e per Festival, Light per Luce e Flight per volo. E l’immaginazione certo plana alta, con le illusioni luminose che si susseguono come in una panoramica a schiaffo sulle pareti degli edifici e dei ponti storici della bella Firenze. Un’occasione più che mai speciale per questo Festival, dal momento che l’Unesco ha dichiarato il 2015 Anno Internazionale della Luce. La manifestazione si è appena conclusa, ma in questo breve video vi diamo un saggio di quello che vi siete persi, se non eravate lì di persona.

– Federica Polidoro

www.thefakefactory.com

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community